10 aprile: la nascita di Helenio Herrera

Inauguriamo la rubrica Accadde Oggi il 10 aprile con il ricordo di Helenio Herrera, nato proprio 109 anni fa

0
434

Helenio Herrera ha legato il suo nome all’Inter. Ed ha fatto dell’Inter la squadra più forte al mondo. La “Grande Inter”. Herrera nacque precisamente 109 anni fa, il 10 aprile 1910.

Istrione, scorbutico, sagace, emotivo, uomo comunicazione. Herrera era questo e tanto, tanto altro ancora. Un tecnico capace di liquidare un attaccante da 38 goal a stagione solo per una storia d’amore con una ballerina. Un mister talmente controcorrente da spedire in campo la primavera contro i campioni d’Italia della Juventus.

Argentino, sì. Ma di origine spagnola, nato a Buenos Aires e vissuto tra il Marocco e la Francia: un cittadino del mondo che lo rese il primo vero tecnico moderno. Un precursore dei vari Mourinho , Klopp e Guardiola. Un innovatore nel rapporto emozionale e psicologico coi giocatori e con la stampa. Arrivava addirittura a fornire i titoli già pronti alla stampa catalana prima (mister blaugrana fino al 1960) e milanese poi (1960-1967).

Sono in questi 7 anni che Helenio Herrera porta l’Inter a spassarsela sul tetto del mondo, vincendo tutto ciò che fosse possibile. Una scorpacciata d’allori senza precedenti all’ombra del Duomo: tre scudetti, due Coppe Campioni e due Coppe Intercontinentali. Una storia praticamente irripetibile. E pensare che i suoi primi passi nella Serie A italiana furono tutt’altro che facili: sconfitte a destra e manca. Leggendaria quella con il Padova del (futur) Paron, Nereo Rocco. Tutti all’attacco e si finisce a prendere scoppole. Ma fu col tempo e a suon di leccarsi le ferite che l’istrione argentino si moderò, equilibrando l’Inter che, grazie anche ad alcuni innesti voluti dallo stesso Herrera (Facchetti e Mazzola dalla Primavera, Suarez dal Barcellona), trovò la quadra per vincere e stravincere. Ma non per forza convincere: “catenacciaro”, era l’accusa che andava per la maggiore. Decenni di storia calcistica non hanno ancora risolto il dubbio.

Fatto sta che Herrera abbia rivoluzionato come mai nessuno prima la figura del tecnico dal lato comportamentale e psicologico. Il suo erede naturale è stato individuato dai maggiori esperti in Josè Mourinho, grazie ai suoi colpi di genio nelle conferenze stampa ed alle cariche emozionali che riesce a trasmettere ai suoi giocatori. Proprio come Herrera. Credete forse sia un caso che siano stati i due tecnici più vincenti della storia nerazzurra?

Daniele Errera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here