15 agosto, buon compleanno Igor Cassina

Tanti auguri ad Igor Cassina, medaglia d'oro ad Atene 2004 nella sbarra, che oggi compie 41 anni

0
230

Per praticare un qualsiasi sport serve senza ombra di dubbio un fisico adatto alla specialità in cui ci si cimenta. Per praticare pallacanestro è consigliabile una certa altezza ad esempio, mentre difficilmente vedremo un grande scalatore del ciclismo con qualche chilo di troppo. Ogni regola ha però la sua eccezione, e il protagonista di oggi è proprio una di queste, ovvero il ginnasta Igor Cassina, che quest’oggi compie 41 anni.

GLI INIZI

Nato a Seregno, in Brianza, il 15 agosto il piccolo Igor si affaccia a 5 anni nel mondo della ginnastica artistica, partecipando a 9 anni alla sua prima gara, giungendo quarto su 80 ragazzini.

L’ARRIVO TRA I GRANDI

Nel 1991 Cassina vince il titolo juniores alla sbarra, mentre nel 1994 si ripete tra i senior a soli 17 anni, dimostrando un grandissimo talento, nonostante un’altezza che lo porterà a guardare terra da 180 centimetri. Sicuramente non è fisico più adatto per conservare l’elasticità della ginnastica, ma su di lui ripongono grosse speranze.

COMPETIZIONI INTERNAZIONALI

Nel 1999 debutta ai Mondiali cinesi di Tianjin, aprendo il Nuovo Millennio con le Olimpiadi di Sydney, senza tuttavia riscontrare risultati degni di nota.

Cassina a 21 anni deve dimostrare di poter competere con i rivali, e ai Mondiali di Gand 2001 chiude al quarto posto, salendo per la prima volta sul podio l’anno successivo agli Europei di Patrasso, conquistando un bronzo che vale tantissimo in ottica futura, e completando l’escalation con l’argento iridato nel 2003 ad Anaheim, venendo battuto solamente dall’asso giapponese Takehiro Kashima.

L’ORO OLIMPICO

Arrivare alle Olimpiadi a 24 anni vuol dire essere nel pieno della propria carriera a giocarsi qualcosa di importante nel palcoscenico più importante.

E così, ad Atene, Igor mette in scena un esercizio ai limiti della perfezione, condito da un movimento coniato da lui stesso (il Cassina, appunto) dall’alto coefficiente di punteggio. La giuria premia l’azzurro con uno score di 16.250, che proietta il gigante brianzolo in testa alla classifica davanti allo statunitense Paul Hamm e al giapponese Isao Yoneda, per una medaglia d’oro dal valore inestimabile, arrivata insieme al bronzo di Yuri Chechi negli anelli.

Embed from Getty Images

DOPO ATENE E RITIRO 

Terminata nel migliore dei modi l’esperienza a cinque cerchi, Cassina sale due volte sul podio continentale, nel 2005 (argento) e nel 2007 (bronzo), concludendo al quinto posto nella gara olimpica di Pechino 2008, e regalando l’ultimo acuto ai Mondiali di Londra 2009, dove si prende la medaglia di bronzo.

Per l’ultima recita Igor sceglie il PalaFlorio di Bari e i Campionati Italiani 2011, mentre nel 2014 si esibisce davanti a Papa Francesco in un esercizio al cavallo con maniglie.

Non ho paura. Altrimenti non farei la sbarra, che nella ginnastica è l’attrezzo dove i rischi sono i più alti“. Tanti auguri Igor!

Gianni Lombardi 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here