6 novembre, i 60 anni di Urs Freuler

Oggi compie 60 anni Urs Freuler, grande protagonista del ciclismo degli anni Ottanta. Ripercorriamone in breve vita e carriera

0
84

Chi era appassionato di ciclismo negli anni ’80 lo ricorda senz’altro come uno dei più forti velocisti della sua generazione. Oltre a ciò, Urs Freuler, di cui celebriamo con questo pezzo il 60° compleanno compiuto oggi, aveva una grande abilità nella conduzione del mezzo, che lo rendeva un abilissimo discesista, capace soprattutto nei lunghi rettilinei di raggiungere velocità davvero impensabili. Son queste le caratteristiche celebrate del ciclista svizzero per quel che concerne la sua carriera in strada, cui egli ne affiancò una altrettanto vincente da pistard.

Nato a Bilten, nella parte nord-orientale della Svizzera tedesca, il 6 novembre 1958, Freuler si fece notare fin da giovane per le sue capacità, unite a una personalità davvero originale. Difficile vederlo senza i baffi, i quali furono il suo marchio di fabbrica, più o meno come lo son stati per molto tempo i capelli lunghi per quello che è oggi il vero personaggio del ciclismo mondiale, Peter Sagan.

Embed from Getty Images

IL PALMARÈS

Freuler concentrò sul Belpaese la gran parte della carriera, ottenendo i principali successi in strada al Giro d’Italia. Sulle 71 vittorie totali circa un quarto (15) sono tappe della Corsa Rosa, evento in cui vinse la classifica a punti nel 1984. Quella fu l’edizione resa celebre dal duello tra Moser e Fignon, vinto dal trentino nella decisiva crono finale di Verona, cui seguirono polemiche roventi da parte del francese. Freuler ebbe anche l’onore di vestire per due volte, nel 1983 e nel 1986, la Maglia Rosa. Andò al Tour invece una sola volta, nel 1981, riuscendo comunque a vincere una tappa, oltre a due cronosquadre.

Come detto, alla carriera in strada Freuler affiancò quella da pistard, con eccellenti risultati. Sono 13 le medaglie mondiali ottenute nei velodromi, di cui ben 10 d’oro. Eccelleva in particolare nell’individuale a punti, dove fu iridato per otto volte, oltre a essere un grande interprete del keirin, specialità di origini nipponiche.

 

Umberto Resta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here