Analisi 34a giornata di Serie A: l’Atalanta vola da sola in zona Champions. Crisi senza fine per il Milan

Pari nel derby d'Italia tra Inter e Juventus. Empoli sempre più ad un passo dalla Serie B

0
148

La 34a giornata ha visto cambiare le prime 4 posizioni della classifica di Serie A. Dopo la sconfitta del Milan a Torino, l’Atalanta vola da sola al quarto posto in piena zona champions, con il destino nelle sue mani per le ultime 4 gare di campionato. Inseguono la Roma e proprio i granata, insieme ad una Lazio che riaccende le speranze con il successo a Genova con la Sampdoria. Cambia poco nelle zone basse della classifica. L’Empoli perde in casa di un Bologna ormai salvo, Udinese e Genoa non ne approfittano.

INTER E JUVE SI DIVIDONO LA POSTA IN PALIO. NAPOLI, LA FRUSTRAZIONE PREVALE SUL BUON SENSO

Termina 1-1 il derby d’Italia tra Inter e Juventus. A San Siro, in una partita dove i neroazzurri avevano più motivazioni dei bianconeri ormai scudettati, i padroni di casa passano in vantaggio con Nainggolan, vera e propria nemesi della Juve, per poi essere raggiunti dalla rete di Cristiano Ronaldo. Un buon punto quello racimolato dall’Inter, ad un passo dalla seconda qualificazione ai gironi di Champions consecutiva. Vince il Napoli. La squadra di Ancelotti, impegnata a Frosinone, supera per 2-0 i ciociari, ottenendo tuttavia la contestazione finale della propria tifoseria nonostante un secondo posto ormai archiviato. Quando il buon senso lascia posto alla frustrazione…

GASPERINI SOGNA LA CHAMPIONS. DE ROON E PASALIC FANNO VOLARE LA DEA

Non è stata una partita facile quella con l’Udinese, complice le numerose pressioni che accompagnavano la sfida. Ma l’Atalanta, priva di Ilicic, non si è sfatta sfuggire l’opportunità di prendersi il quarto posto in solitaria a sole 4 giornate dal fine. All’Atleti Azzurri D’Italia le reti di De Roon e Pasalic fanno sognare i tifosi bergamaschi, oltre che il loro allenatore Gasperini sempre più vicino a quella che sarebbe una vera e propria impresa sportiva. A lasciare il posto ai giovani atalantini ci ha pensato il Milan, scivolato, dopo la sconfitta a Torino, al sesto posto in classifica, ripreso proprio dai granata di Mazzarri. Quinta, adesso, troviamo la Roma che, all’Olimpico, si sbarazza di un Cagliari privo di motivazioni e totale spettatore del match. Nella corsa alla Champions si reinserisce anche la Lazio che, dopo la sconfitta rimediata con il Chievo, torna in gioco grazie al successo rimediato a Marassi contro la Sampdoria. Nella prossima giornata i biancocelesti affronteranno proprio la squadra di Gasperini, in un anticipo di quella che sarà poi la sfida che deciderà l’assegnazione di Coppa Italia il 5 maggio all’Olimpico.

BOLOGNA, LA SALVEZZA E’ ORMAI CERTA. UDINESE E GENOA ANCORA NEI GUAI

Non cambia molto la situazione per quanto riguarda il fondo della classifica. Il Bologna, impegnato al Dall’Ara contro l’Empoli, trionfa 3-1 contro i toscani e può finalmente effettuare un allungo che, con ogni probabilità, si rivelerà decisivo per la permanenza in A degli emiliani. Udinese e Genoa non sfruttano il tonfo della squadra di Andreazzoli. I friulani, impegnati sul campo dell’Atalanta, cadono per 2-0 negli ultimi dieci minuti, nonostante un’ottima prestazione, mentre i liguri non vanno oltre l’1-1 contro una SPAL ormai salva. I toscani sembrano spacciati, con 4 punti di ritardo dall’Udinese ed un calendario che, sulla carta, è molto meno accessibile rispetto a quello dei friulani. Calendario difficile anche per il Genoa forte, tuttavia, dei 6 punti di vantaggio sul terzultimo posto.

 

 

Matteo Matanò

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here