Ascoli, Keba Coly è un’altra delusione: ufficiale il suo rientro a Roma

La società marchigiana ha deciso di non rinnovare il contratto al giocatore

0
737
Ascoli, Keba Coly

Sarebbe difficile negare che oggi giorno le esperienze servano ai giovani per fare gavetta, dare certezze e affermarsi dinanzi ai principali riflettori del calcio odierno. Tuttavia, è amaro pensare che molte di queste continuino a regalare solo dubbi, difficoltà nel capire per un giocatore quale sia veramente il suo livello. E’ doveroso però provare a spingersi ancor più avanti di dove possano arrivare gli occhi dell’allenatore, come se dovessimo affrontare un esercizio. Probabilmente, però, non era questa l’idea di esame che si era fatto Keba Coly, esterno offensivo che negli ultimi mesi ha indossato la maglia dell’Ascoli. Diramato dai continui infortuni subiti nel corso della stagione, il senegalese non è mai riuscito a rispettare l’idea di competenza che Vincenzo Vivarini si era fatto sulla sua persona. E probabilmente non era questo quell’esordio che tutti sognano fin da quando si è bambini.

ASCOLI, PRONTO IL RIENTRO DI COLY A ROMA

La prima esperienza tra i professionisti non è bastata: serve ancora fare gavetta, e molta. E’ importante ora capire cosa è andato storto al di là degli infortuni che lo hanno colpito durante la stagione. E dire che, lasciate le giovanili della Roma, le aspettative sul suo conto era nettamente superiori: Keba Coly doveva essere quel giocatore portante che avrebbe fatto sì che il Picchio volasse fino ai play-off. In un’Ascoli ora in preda alla rivoluzione, è concepibile la loro volontà nel non voler riscattare il suo cartellino. Coly sembrerebbe costretto a tornare nella Capitale, dove è veramente nato e cresciuto a livello agonistico. Forse lì qualcosa potrebbe cambiare anche per Lui: la stessa squadra che lo aveva lanciato tra i professionisti potrebbe garantirgli un’altra chance, quella che gli permetterebbe di mostrarsi realmente, concedendogli qualcosa in più di quelle due sole semplici presenze effettuate in campo. In un’altra stagione diversa da quest’ultima, dove il suo volto non sarà ricordato tra i protagonisti della dura cavalcata bianconera verso la salvezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here