Resoconto del primo Slam dell’anno: chi la spunterà?

Siamo giunti alla seconda settimana dell'Australian Open e qualche elimazione illustre rende le prossime fasi decisamente imprevedibili

0
143

Ci siamo: tra meno di una settimana e si conosceranno il nuovo re e la nuova regina di Melbourne.

CHI ABBIAMO PERSO NEL TRAGITTO?

La corsa di molti dei grandi si è fermata prima che tutti noi ce l’aspettassimo, il tennis è concentrazione, e perderla significa poter buttare via un’intera partita nell’arco di pochi punti. Uno Slam è sinonimo di Money, di Points ma soprattutto è la prova del livello che si è raggiunto. I tre set su cinque sono un suicidio, il caldo americano pure, ma qui nessuno vuole peccare.

È finita ieri la corsa per l’ultimo italiano in gara, il ligure Fabio Fognini ha dovuto cedere allo spagnolo Carreno Busta. Grigor Dimitrov sembrava essersi sbloccato da quel periodo no, eppure Tiafoe ha messo fine alla sua corsa. Thomas Berdych aveva raggiunto in sordina gli ottavi senza grande difficoltà ma Rafa Nadal lo ha annullato in tre set. La perdita più importante è quella di poche ore fa, l’astro-nascente Tsitsipas estromette dopo tre ore e mezza di battaglia il campione 2018 Roger Federer. È la notizia che nessun appassionato del tennis vorrebbe sentire, ma allo stesso tempo aggiunge ancora più imprevedibilità alle fasi successive del torneo

LA CORSA PROSEGUE PER POCHI

Sono rimasti in pochi, anzi pochissimi, chi perde va a casa con il rammarico di esserci arrivato davvero vicino. Francis Tiafoe sta stupendo tutti, uno dei giocatori più fisici passati di recente sul grande palcoscenico tennistico . “Big Foe” aveva dichiarato di sentirsi pronto per raggiungere un traguardo del genere e non ha tradito le attese, regalandosi uno dei momenti top della sua nascente carriera.

Il recidivo Nadal continua la sua corsa, avendo trovato pochi ostacoli sulla sua strada fino ad ora. Sarà lui a portarsi a casa il primo Slam dell’anno?

Alessandro Bergamaschi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here