Champions League, Pallanuoto: Ferencvaros campione, decisivi i rigori

La Champions League 2019 ha un vincitore: si tratta del Ferencvaros, che ah battuto in finale l'Olympiacos; terza la Pro Recco

0
73
CHE PARTITA TRA FERENCAVORS E OLYMPIACOS

La Champions League di quest’anno ha regalato tante emozioni e sorprese, che non hanno smesso si seguirci anche nell’ultima giornata della competizione, dedicata alle finali. Partiamo dal podio: i vincitori della Champions League sono i ragazzi della Ferencvaros. Decisiva la lotteria dei rigori nella finale contro i greci dell’Olympiacos. Una partita stupenda e con un ritmo altissimo: gara diretta praticamente per tutto il suo corso dalla squadra ungherese, che può contare sui vari talenti quali Mitrovic, Vamos e Varga. Gli ungheresi raggiungono anche il +3 nel secondo quarto, ma da lì i greci rispondono portandosi sul -1. Quest’ultimo, però, dura ben poco, infatti a inizio del quarto periodo la squadra di Varga si trova di nuovo sul +3. I biancorossi giocano 8 minuti di altissimo livello e rimontando la partita, pareggiando i conti a fine partita sul 10 pari e sfruttando anche l’assenza per tutto l’ultimo quarto di Varga e per il finale di partita di Vamos. Ai rigori sarà fatale l’errore di Argyropoulos che colpisce il palo.

PRO RECCO TERZA, VINCE LA BPM E PERDE IL BRESCIA

Il Recco fa la sua finale e vince contro il Barceloneta. Partita decisa dalla rete di Echenique a 2.44 dal termine della gara, quest’ultima è stata condotta in vantaggio per lo più dagli spagnoli. Munarriz a metà secondo quarto porta addirittura i suoi a +3, ma prima dell’intervallo lungo ci pensano Mandic e Kayes a riportare il punteggio a -1. Medaglia di bronzo dunque per la squadra di Rudic, mentre arriva sesto il Brescia che cade contro lo Jug nella finale per il quinto posto. Partita giocata sull’orlo di un solido equilibrio, come si può notare leggendo i parziali dei 4 tempi giocati. Solo il primo (3-4) risulterà decisivo per la sconfitta di Figlioli e compagni, infatti gli altri tre sono terminati tutti in pareggio (4-4; 2-2; 3-3). Arriva la prima vittoria nelle Final Eight per la Bpm Sport Management contro i padroni di casa dell’Hannover, che dunque chiudono da ultimi la competizione giocata davanti al proprio pubblico. Match deciso da un super secondo quarto giocato dalla squadra italiana, che sotto 2-1 dopo i primi 8 minuti, è riuscita a recuperare e chiudere il secondo quarto avanti per 6-3.

Andrea Greco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here