Croazia-Inghilterra 2-1 d.t.s.: Mandzukic regala ai suoi il pass per la finale

La Croazia per la prima volta nella storia è in finale della coppa del mondo. Una zampata di Perisic risponde alla punizione di Trippier, poi al supplementare Mandzukic manda i suoi in paradiso

0
509

Al “Luzhniki Stadium” di MoscaInghilterra Croazia si affrontano per scrivere, o meglio, per riscrivere la storia. Due nazionali sicuramente forti e organizzate, ma non considerate ad inizio mondiale come le favorite. Sia per bravura, sia per inconsistenza delle “Big” quali Brasile, Argentina, Spagna e Germania, sia per una parte di tabellone tutt’altro che impossibile, le due formazioni sono ad un passo dall’alzare il trofeo più appagante ed emozionante di tutti. Manca solo un ultimo ostacolo prima di raggiungere la Francia nella finale di domenica 15.

Gli inglesi non arrivano alle semifinali mondiali da 28 anni, ovvero da Italia ’90, e l’ultimo ed unico campionato del mondo vinto risale a quello casalingo del ’66, ovvero 52 anni fa. Troppo tempo è passato per essere la patria della lega più bella e competitiva del panorama calcistico. La Croazia invece vuole battere il record personale, ossia il terzo posto guadagnato a Francia ’98 dalla generazione d’oro capeggiata da Zvonimir Boban  Davor Suker. 

Per raggiungere i propri obiettivi, entrambi gli allenatori confermano la formazione che li ha portati fino a qui. Unico cambio nella squadra allenata da Dalic: Brozovic al posto di Kramaric, autore del primo gol contro la Russia. Recupero lampo dall’infortunio per Vrsaljko, che agirà sull’out difensivo di destra.

Chiunque vinca, dunque, sarà una “bella storia” da tramandare ai posteri.

LA SBLOCCA SUBITO TRIPPIER CON UNA PUNIZIONE-CAPOLAVORO

Neanche il tempo di cantare l’inno che al 5′ i “Leoni” sono già in vantaggio: punizione strabiliante di Trippier, che toglie le ragnatele della porta di Subasic, incolpevole. 1-0 per l’Inghilterra, che con questo gol supera il proprio record di gol realizzati in una fase finale del mondiale, ovvero 11. Ancora una volta la Croazia passa in svantaggio, ma per il momento niente paura: è sempre riuscita a recuperare.

Succede poco altro in questo primo tempo, l’Inghilterra si limita a gestire la partita e a ripartire in contropiede con un ispiratissimo Sterling. Occasioni per Kane, che si fa parare la conclusione da Subasic da posizione favorevole (ma in fuorigioco), e per Alli, che libero al limite dell’area calcia a giro ma spedisce la palla fuori di due metri. I croati ci provano con tiri da fuori e soprattutto calci piazzati, ma non riescono ad inquadrare la porta anche grazie ad un’impeccabile fase difensiva avversaria. Bisogna tirar fuori più qualità dall’attacco per cercare di riacciuffare il risultato.

Embed from Getty Images

 

LA ZAMPATA DI PERISIC RIAPRE IL MATCH

Il secondo tempo comincia nello stesso modo in cui era finito il primo. La Croazia non riesce ad essere pericolosa in alcun modo, e l’Inghilterra non riesce a sfruttare il campo aperto. Tuttavia, al 68′ un lampo di Perisic improvviso riapre la partita che sembrava spentissima: cross di Vrsaljko, anticipo del numero 4 croato su Walker e zampata vincente. Tutto aperto ancora, siamo sull’1-1. Due minuti dopo, ancora Perisic si rende protagonista: doppio passo a superare ancora Walker, tiro ad incorciare rasoterra e palo clamoroso. La partita si è incredibilmente ribaltata.

Dopo il gol le squadre sono visibilmente più attente a non concedere nulla, e non creano grandi occasioni. Il match finisce in parità, la Croazia è costretta ancora una volta ad andare ai supplementari, per la terza volta su tre, ma nonostante ciò i giocatori di Dalic non sembrano accusare la fatica: emblematico il fatto che non è stato effettuato nessun cambio tra le fila croate: l’obiettivo finale è più importante della stanchezza.

 
Embed from Getty Images
MANDZUKIC FA ESPLODERE DI GIOIA UN’ INTERA NAZIONE

Raffica di cambi per le due squadre, e la prima emozione dei supplementari avviene al 99′: Stones di testa da calcio d’angolo indirizza la palla verso il secondo palo, Subasic non ci può arrivare ma salva Vrsaljko sulla linea. Al 105′ arriva l’occasione per la CroaziaMandzukic raccoglie un cross dalla sinistra e calcia di prima intenzione, ma viene annullato da Pickford, che poi gli “ringhia” contro.

All’inizio del secondo tempo extra, Mandzukic fa impazzire tutta la sua nazione. Dopo un assist fortuito di testa di Perisic, l’attaccante della Juventus è il più veloce a raccogliere la palla e calciare di prima intenzione: tiro troppo potente per l’estremo difensore britannico, 2-1 Croazia.

CROAZIA IN FINALE

E finisce così, la Croazia per la prima volta nella storia è in finale della Fifa World Cup, è la nazione con il minor numero di abitanti (circa 4 milioni) a disputare l’ultimo atto del torneo. Una generazione fantastica che supera quella della semifinale del 98′, buttata fuori proprio dalla Francia (con la famosa doppietta di Thuram) che sarà l’avversaria di domenica alle 17: ci si potrebbe prendere una bella rivincita.

D’altra parte, continua la maledizione della semifinali per gli inglesi. I ragazzi di Southgate sono costretti ad abbandonare la competizione sul più bello, dopoché per 67 minuti sembrava tutto fatto: la grinta croata non ha fatto prigionieri. Tuttavia, questa nazionale è giovane (si vedano i vari Kane, Alli, Stones, Sterling, Lingard e molti altri), e con altri 4 anni di esperienza potrebbe essere pronta per puntare alla vittoria in Qatar.

Al momento però deve lasciare il palco ai balcanici, che hanno desiderato di più questo traguardo: molti calciatori sono nati o cresciuti durante la guerra, e questa generazione ha sicuramente tanta voglia di rivalsa. Ora a Zagabria può partire la festa, e anche se manca ancora un tassello per alzare quella bellissima coppa, i ragazzi di Dalic, comunque vada, hanno scritto la storia.

Embed from Getty Images

TABELLINO

CROAZIA-INGHILTERRA 2-1 (5′ Trippier, 68′ Perisic, 109′ Mandzukic)
CROAZIA (4-2-3-1): Subasic; Vrsaljko, Lovren, Vida, Strinic (dal 95′ Pivaric); Rakitic, Brozovic; Modric (dal 119′ Badelj), Perisic, Rebic (dal 101′ Kramaric); Mandzukic (dal 116′ Corluka). CT. Dalic
A disposizione: L. Kalinic, Kovacic, Pjaca, Jedvaj, Livakovic, Bradaric; Caleta-Car.
INGHILTERRA (3-5-2): Pickford; Walker (dal 112′ Vardy), Maguire, Stones; Trippier, Henderson (dal 97′ Dier), Dele Alli, Lingard, Young (dal 91′ Rose); Sterling (dal 74′ Rashford), Kane. CT. Southgate
A disposizione: Butland, Pope, Loftus-Cheek, Alexander-Arnold, Cahill, Jones, Welbeck, Delph.
Arbitro: Cakir (Tur).
Ammoniti: Walker (Ing); Rebic (Cro); Mandzukic (Cro).
Espulsi: –
Corner: 8-4

                                                                        Andrea Cioccio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here