Europa League, Atalanta-Hapoel Haifa 2-0, Zapata e Cornelius confermano i playoff

Nel ricordo delle vittime di Genova, l'Atalanta vince anche al ritorno e si assicura i playoff contro il Copenaghen

0
462

È tornata in campo l’Atalanta, che al “Mapei Stadium” di Reggio Emilia (la propria casa europea), voleva compiere un altro passo verso la fase a gironi dell’Europa League. A provare un’improbabile rimonta (l’andata è finita 1-4 per la Dea) c’era un Hapoel Haifa che non voleva lasciare vita facile agli uomini di Gasperini.

L’ATALANTA MANTIENE LE REDINI DEL GIOCO, L’HAPOEL NON PUNGE

Sono cinque i cambi nell’Atalanta rispetto alla gara di andata. Davanti a Gollini ed accanto a Masiello, Mancini e Djimsiti prendono il posto di Toloi e Palomino. Cambiano anche i due esterni di centrocampo, con Reca (sordio con la maglia nerazzurra) e Castagne preferiti rispettivamente a Gosens e Hateboer. In mezzo invece De Roon cede il posto a Pasalic, il quale va a formare il trio di centrocampo insieme a Pessina e Freuler. Davanti confermati Zapata e il Papu Gomez.

Due cambi invece per l’Hapoel, che sposta Buzaglo a centrocampo al posto di Vermouth, inserendo Hadida sul out destro d’attacco. Sempre in mezzo al campo Mitrevski prende il posto di Plakushchenko. Difesa, compreso il portiere Setkus, restano invariati.

Lo sprint iniziale come prevedibile lo hanno gli israeliani, i quali, dovendo segnare 4 reti, provano subito ad alzare il ritmo. Il maggior tasso tecnico dell’Atalanta è però evidente, con gli orbici che non rischiano nulla durante le sortite offensive avversarie. I bergamaschi però, forse complice anche i tanti cambi, pur mantenendo le redini del gioco non riescono a rendersi tanto pericolosi. Le uniche occasioni che arrivano infatti sono un tiro deviato in corner di Pessina (21′) , dopo l’ottimo lavoro sporco di Zapata dentro l’area, un colpo di testa di Castagne debole e facile per Setkus (24′) e una mancata zampata dello stesso esterno atalantino su invito di Pessina (31′). Sono due gli episodi degni di nota per l’Hapoel: il primo è l’infortunio di Buzaglo, sostituito da Plakushchenko (33′), mentre la seconda è un bel tiro di Ginsari allo scadere, sul quale Gollini si fa trovare pronto.

Embed from Getty Images

ZAPATA E CORNELIUS CHIUDO I GIOCHI, HAPOEL BATTUTO ANCHE AL RITORNO

La ripresa non offre spunti differenti rispetto alla prima frazione. L’Hapoel si difende sulle sortite non sempre precise dell’Atalanta, che con il passare dei minuti cerca di alzare il ritmo per vincere anche il ritorno. Ci provano infatti sia il Papu Gomez, con una conclusione di sinistro ben respinta dal portiere (60′), sia Castagne, che vede spegnersi sul fondo il suo tiro (66′). L’Hapoel fa sempre più fatica e alla fine deve capitolare: Pessina trova benissimo Castagne sulla destra. Il cross del laterale belga è forte e preciso, con Zapata che non deve far altro che prendere posizione e insaccare alle spalle di Setkus (70′). A qusto punto la partita si spegne, con gli israeliani che si affidano alle ripartenze di Ginsari per provare a segnare il pareggio e non uscire sconfitti. L’Atalanta però non ha problemi a gestire le sortite avversarie ma anzi, al 92′, trova anche il raddoppio: Cornelius, entrato al posto di Zapata, sfrutta pienamente il suggerimento di Pasalic e insacca a tu per tu con il portiere, sancendo definitamente il suo ritorno a casa, in quanto il numero 9 bergamasco venne acquistato dal Copenaghen, prossima ed ultima avversaria sulla strada per la fase a gironi.

Embed from Getty Images

TABELLINO

ATALANTA – HAPOEL HAIFA 2-0 (70′ Zapata, 92′ Cornelius)

Hapoel Haifa (4-3-3): Setkus; Malul, Tamas, Kapiloto, Dilmoni (76′ Arael); Mitrevski, Sjostedt (68′ Vermouth), Buzaglo (33′ Plakushchenko); Hadida, Papazoglou, Ginsari. All. Klinger. A dispsizione: Kadoch, Zamir, Mishpati, Qashoa

Atalanta (3-5-2): Gollini; Mancini, Djimisti, Masiello; Castagne, Freluer (78′ Valzania), Pessina, Pasalic, Gosens; Zapata (86′ Cornelius), Gomez (83′ Barrow). All. Gasperini. A disposizione: Berisha, Palomino, Hateboer, De Roon

ARBITRO: Schneider (Fra)

AMMONIZIONI: Tamas, Sjostedt

ESPULSIONI: N/D

CORNER: 6-6

Gabriele Conti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here