GP Valencia, ultimo rodeo del Motomondiale!

Nell’ultima gara dell’anno di Moto 3 arriva la prima vittoria in carriera per Jorge Martin, davanti a un super Joan Mir. In Moto 2 Miguel Oliveira conquista la sua terza vittoria consecutiva.

0
404

Anche quest’anno il Motomondiale è giunto al termine. Nonostante i verdetti per il titolo mondiale di Moto 3 e Moto 2 fossero già scritti, la tanto attesa tappa di Valencia non ha affatto deluso in quanto a emozioni e spettacolo.

FRECCE SPAGNOLE

Questa mattina come al solito Jorge Martin partiva dalla pole position (la sua nona quest’anno!), forte di un giro secco velocissimo e di un passo gara consistente. A marcarlo stretto in prima fila c’erano il leader del mondiale Mir e l’argentino Rodrigo. Infatti, sono stati proprio loro 3 a prendere subito largo con una partenza a fionda.

Ma una manciata di giri dopo la partenza è arrivato il colpo di scena: nella accesa bagarre fra i 3, Gabriel Rodrigo ha ecceduto il suo limite cadendo in maniera improvvisa e Joan Mir, per evitare la collisione con l’argentino che gli stava davanti, è dovuto necessariamente uscire di pista rientrando in diciannovesima posizione.

Dunque Martin, in virtù del suo ritmo costante, ha avuto via libera per arrivare fino al traguardo indisturbato (chiuderà con quasi 4 secondi di vantaggio sul secondo).

Dopo la sua nona pole position dell’anno, Martin può festeggiare la sua prima vittoria nel Motomondiale!
E BAGARRE SIA

Essendosi chiuso quasi subito il discorso per la vittoria, le attenzioni si sono spostate sul gruppone di piloti che si sono giocati il podio. Tra questi i nostri italiani Fenati, Bastianini, la wild card Foggia, e a sorpresa proprio Joan Mir!

Infatti, mentre il gruppone di 10 piloti si dava battaglia con le solite sportellate e sorpassi violenti, il leader del Mondiale ha imposto un ritmo furibondo (girando addirittura più veloce di Martin) rimontando dalla diciannovesima posizione fino al gruppone di testa. A rimonta completata, si è di nuovo confermata la legge del più forte: Mir ha infilato uno dopo l’altro tutti i suoi avversari andando a chiudere la gara in seconda posizione! Questo risultato lo ha portato a 341 punti, andando a conquistare il record di punti nella categoria cadetta del Motomondiale.

Per completare il podio, la bagarre tra italiani e spagnoli è stata memorabile. Ma nonostante le grandi prove di Fenati, Bastianini e del sedicenne Foggia, lo spagnolo Marcos Ramirez ha avuto la meglio e ha messo le sue ruote sul terzo gradino del podio. Grazie alla performance di Ramirez, la moto del team di Caponera (capotecnico di Ramirez) è la KTM meglio piazzata nel Mondiale Moto3.

ORDINE DI ARRIVO MOTO3
  1. Jorge MARTIN (SPA/HONDA) in 40’02.193
  2. Joan MIR (SPA/HONDA) +3.760
  3. Marcos RAMIREZ (SPA/KTM) +3.877
  4. Romano FENATI (ITA/HONDA) +3.953
  5. Enea BASTIANINI (ITA /HONDA) +3.999
 CLASSIFICA MONDIALE MOTO3
  1. Joan MIR (SPA/HONDA) 341
  2. Romano FENATI (ITA/HONDA) 248
  3. Aron CANET (SPA/HONDA) 199
  4. Jorge MARTIN (SPA/HONDA) 196
  5. Fabio DI GIANNANTONIO (ITA/HONDA) 153

 

Anche in Moto2 la gara è stata molto gradevole. Dalla pole position partiva Alex Marquez, tallonato dai nostri italiani Morbidelli e Pasini, e dalla doppietta di piloti KTM Oliveira e Binder.

PROBLEMI PER ALEX MARQUEZ

Nonostante le elevate performance espresse in qualifiche, Alex Marquez è stato in difficoltà per tutta la gara (chiuderà quinto) vedendosi sorpassare con facilità da tutti i suoi rivali. La vera bagarre dunque è stata tra il leader del mondiale Morbidelli e tra il pilota più in forma del momento, Oliveira. Purtroppo invece Mattia Pasini non ha preso parte alla sfida essendo caduto nei primi giri.

KTM ON FIRE!

Nonostante Morbidelli avesse costruito un vantaggio di 2 secondi su Oliveira, attardato nel sorpassare Marquez, il portoghese ha dimostrato tutto il suo valore. Infatti, ha messo in atto un bel ritmo fino a raggiungere e poi infilare Franco Morbidelli. La sua fuga si è poi concretizzata nell’ultimo quarto di gara, dove ha rifilato 2 secondi all’italiano. A chiudere il podio ci ha pensato Brad Binder che ha dato continuità alle recenti performance della sua KTM.

Arriva dunque la terza vittoria consecutiva per Oliveira, che pone le basi nel migliore dei modi per la stagione 2018. Una menzione particolare va a Francesco “Pecco” Bagnaia che si è conquistato il riconoscimento di “Rookie o the Year”: il pilota dello SKY Racing Team VR46 si è posizionato quinto in classifica generale con 174 punti al suo primo anno in Moto2. Niente male vista la sua giovane età e visto il livello altissimo dei piloti della classe di mezzo.    

ORDINE DI ARRIVO MOTO2
  1. Miguel OLIVEIRA (POR/KTM) in 43’15.843
  2. Francesco BAGNAIA (ITA/KALEX) +2.154
  3. Brad BINDER (RSA/KTM) +4.181
  4. Francesco BAGNAIA (ITA/KALEX) +11.181
  5. Alex MARQUEZ (SPA/KALEX) +12.146
CLASSIFICA MOTO2
  1. Franco MORBIDELLI (ITA/KALEX) 308
  2. Thomas LUTHI (SWI/KALEX) 243
  3. Miguel OLIVEIRA (POR/KTM) 241
  4. Alex MARQUEZ (SPA/KALEX) 201
  5. Francesco BAGNAIA (ITA/KALEX) 174

 

La stagione 2017 è giunta al termine regalandoci emozioni e soddisfazioni mostrandoci tanti nuovi talenti. Ma la stagione 2018 è alla porte e tutti stanno già fremendo. E noi della Giornata Sportiva saremo lì a prepararci e a tenervi aggiornati su tutte le novità del Motomondiale. A presto!

Nicolò Romano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here