Il polacco sbagliato

Arkadiusz Milik è il marcatore più prolifico della Serie A. C'è una grande differenza tra il Milik "reale" e il Milik "percepito"

0
233

Se dovessimo dare il premio come Giocatore Più Sfortunato delle due scorse stagioni, tra i candidati favoriti ci sarebbe sicuramente Arkadiusz Milik.

Il ragazzo nato a Tichy 25 anni fa ha passato buona parte delle due ultime annate sportive tra la ormai mitologica Villa Stuart di Roma e il centro di riabilitazione di Castel Volturno del Calcio Napoli. Eppure non era iniziata male la sua avventura in Campania, anzi. Partito con bellezza di sei gol nelle prime quattro partite, con tre doppiette in fila. Poi è arrivata la rottura del crociato e tanti saluti. Il Napoli lottava per la seconda piazza in campionato, facendo una gran bella figura in Champions con Mertens che diventava la prima punta che Sarri stava cercando per il dopo-Pipita e Milik passava la stagione a recuperare dall’infortunio. nella scorsa stagione l’inizio non è folgorante come quello precedente ma il finale lo stesso: rottura del crociato e ritorno in campo dopo diversi mesi, con qualche apparizione e gol decisivi in campionato (alla fine saranno 5).

Nella stagione 2018-2019, Arkadiusz sembra aver trovato ritmo e continuità, senza mai subire problemi fisici. Arrivato a scalzare dal posto di numero 9 quelli Dries Mertens che Sarri aveva fatto diventare goleador.

Eppure pare che ci sia ancora qualcosa che non vada nel giocatore polacco del Napoli. Sui social gira da tempo questo video dove un tifoso del Napoli, indispettito dopo il pareggio in casa con la Roma, definisce Milik come un purpo (polipo). Ovviamente in tanti supporters del ciucciariello sui social hanno fatto notare che l’attaccante, proprio dopo la partita con la Roma e il seguente video-sfogo, ha iniziato a segnare con cadenza settimanale, non disdegnando qualche doppietta.

Ma Napoli, si sa, è piazza volubile e le polemiche sono tornate dopo l’acquisto di Piatek da parte del Milan e la successiva doppietta proprio contro la squadra di Ancelotti in Coppa Italia. È ricominciato a spron battuto il dibattito su Arkadiusz e sull’opportunità di acquistare il suo connazionale a buon il prezzo, opportunità persa da De Laurentiis che, secondo indiscrezioni di mercato, era già vicino ad acquistare il numero 19 del Milan per una cifra intorno ai 30 milioni. Ma Milik nel dubbio, è tornato a fare gol.

Cerchiamo di capire, numeri alla mano, perché c’è tra gli attaccanti più prolifici della serie a. Anche più di Piatek.

Il povero e bistrattato Arkadiusz in realtà ha già messo a segno 14 centri, triplicando il suo massimo stagionale che era di 5 gol in 34 partite(quasi tutti spezzoni post infortunio, c’è da dire). Ma il dato che fa più impressione è la percentuale di gol fatti per minuti giocati. Milik ci mette mediamente 103 minuti per buttarla dentro. Praticamente un gol a partita, che se si pensa all’ultimo Fiorentina-Inter anche meno. Questi numeri sono ottimi considerando che Milik non è mai andato sul dischetto del rigore, ma ha un buon feeling con i calci piazzati. Infatti è attualmente il giocatore della Serie A che realizzato più gol su punizione (3), davanti a quel cecchino malefico che è Alexander Kolarov.

Qualsiasi goleador con questi numeri sarebbe finito sulle prime pagine dei giornali sportivi, uno degli attaccanti principe del campionato. E invece viene continuamente messo in discussione, dai tifosi e dagli esperti nel settore. Forse anche per colpa di quella indole pacifica e poco incline le luci della ribalta che lo rendono un anonimo bomber di razza. Un indole pacifica che ricorda tanto quella del mister che lo allena e con il quale, Arkadiusz, sta avendo i numeri migliori. Una sorta di sintonia della tranquillità, un rapporto basato, dal lato sull’annuire in silenzio e dall’altro sulla temibile alzata di sopracciglia, quello che si è instaurato tra Ancelotti e Milik.

Alla fine l’attaccante del Napoli sta facendo quello per cui fu pagato 32 milioni di euro nell’agosto 2016: i gol. Quello che è stato definito “Il Polacco Sbagliato” di reti decisive ne ha gia fatte. Quello che tifosi stanno aspettando è vederlo realizzare una rete in big match.

A questo proposito volevamo ricordare ad Arkadiusz Milik che questo weekend si giocherà Napoli vs. Juventus. Non credo abbia occasioni migliori per farsi definitivamente amare dal suo tifo.

Luigi Vincenzo Repola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here