La corsa all’oro: Isco

Ecco l'analisi del 2017 del fantasista spagnolo del Real Madrid e della Roja: Isco

0
521
SCHEDA GENERALE

Nome: Francisco Román (Isco)

Cognome: Alarcón Suárez

Altezza: 1,76

Nazionalità: Spagnola

Squadra di club: Real Madrid

Ruolo: Centrocampista – Trequartista

Età: 25 (21/04/1992)

Presenze/gol per club: 301 (57 gol)

Presenze/gol per nazionale: 25 (7 gol)

Precentuale passaggi riusciti nel 2017: 88,5% (fonte: whoscored.com)

Trofei vinti nel 2017: 4 – Uefa Champions League, LaLiga Santander, Uefa SuperCup, SuperCopa

IL 2017 DI ISCO

Francisco Alarcon, per tutti “Isco“, proviene da un grandioso 2017. Con il Real Madrid ha portato a casa ben quattro trofei. La seconda Champions League consecutiva, terza in quattro anni, vinta a Cardiff contro la Juventus. La Liga, che le Merengues non vincevano dal 2012. La Supercoppa Europea, vinta contro il Manchester United e la Supercoppa di Spagna vinta contro i rivali del Barcellona. Il 22 è stato anche nominato come miglior centrocampista della passata Liga.

Il 2017 di Isco, oltre che a livello di trofei, anche in campo è stato strabiliante. Grazie, si fa per dire, agli innumerevoli infortuni di Bale, Zidane ha cominciato a dare sempre più spazio al talento di Malaga. Pian piano, schierato sulla destra del 4-3-3, Isco ha cominciato a svariare per tutto il fronte d’attacco, diventando “l’interlocutore” perfetto per CR7  e Benzema lì davanti. Alla crescita del minutaggio, è corrisposta anche una crescita esponenziale a livello tecnico. Ogni volta che il 22 tocca palla è uno spettacolo di tecnica individuale che, per tradizione, fa brillare gli occhi esigenti del Bernabeu. 11 gol e 10 assist misti con una lettura di gioco e delle capacità tecniche che hanno permesso a Isco di entrare fra i 30 candidati al Pallone d’Oro.

La nuova stagione per il talento di Malaga è iniziata bene come la fine del 2017. In Liga ha già segnato 4 reti e fornito 3 assist, anche se il Real Madrid ha passato un mese di ottobre al di sotto di ogni aspettativa. Dopo le vittorie iniziali nelle due Supercoppe, i Blancos si sono adagiati in Liga, perdendo parecchio terreno dal Barcellona (oggi sono 8 i punti di distacco). Meglio invece in Champions, visto che la squadra di Zidane si è qualificata agli ottavi con una gara di anticipo. Benissimo invece con la Spagna, con la quale Isco, arrivando senza molte difficoltà prima nel girone di qualificazione G, si è aggiudicato il mondiale del 2018 in Russia. In questo 2017, Isco con la Roja ha siglato 5 reti e fornito 2 assist nella cavalcata verso il mondiale.

LA MIGLIORE PRESTAZIONE DEL 2017

E’ la 32a giornata della scorsa Liga, e il Real Madrid va a giocare a Gijon. La vittoria finale se la contendono ormai Real e Barcellona. Le Merengues sono avanti in classifica, ma contro il Gijon non possono permettersi passi falsi in vista del Clasico della giornata seguente. I Rojiblancos devono salvarsi, e infatti non regalano nulla ai Blancos; il problema è che di fronte hanno un super Isco. Il Gijon passa due volte in vantaggio, ma viene riacciuffato prima da un gol da cineteca di Isco, poi da Morata. Quando tutto sembra portare al pareggio però, ecco che esce fuori l’uomo in più del finale di stagione del Real Madrid. Al 90′ il 22 decide di vincerla con un rasoterra preciso all’angolino.

 

 

Valerio Marcangeli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here