Maradona: “Che c***o dobbiamo fare per vedere River-Boca?”

Il fuoriclasse argentino, Diego Maradona, si scaglia contro la decisione della Conmebol di giocare il ritorno della finale di Libertadores al Bernabeu.

0
299

Continua a far discutere la decisione presa dalla Conmebol sulla sede del ritorno del Superclasico di Copa Libertadores. Dopo i fatti della scorsa settimana la federcalcio sudamericana ha, infatti, annunciato questa mattina il cambio di location ufficiale per il replay di River Plate-Boca Juniors. La scelta in questione (lo stadio Santiago Bernabeu di Madrid) non è stata accolta da tutti con piacere. Anzi, al contrario, è più di una la voce fuori dal coro che ha espresso il proprio dissenso nei confronti di una decisione così drastica, ma allo stesso tempo necessaria. A far parlare di sé, questa volta, è nientepopodimeno che Diego Armando Maradona. Dopo le dichiarazioni altrettanto forti di un altro campione sudamericano, Josè Chilavert, stavolta è toccato al diez prendere posizione. E naturalmente, l’attacco è diretto al presidente della Conmebol, Domínguez, che ha preso la decisione.

MARADONA: “MICA SIAMO TUTTI RICCHI”

E a cui, secondo Maradona, interessa davvero poco dei tifosi. “E a questo Alejandro Domínguez chiedo una cosa: che c***o devo fare se la mia famiglia vuole vedere River-Boca? Dobbiamo andare tutti a Madrid? Ma mica siamo tutti Macri. Lo sai quanto costa una cosa del genere?”. Strano, in effetti, che Diego non avesse ancora messo in mezzo il Presidente della Repubblica… “E allora, caro il mio figlio di p*****a, crea un piano di sicurezza e fai giocare la partita nello stadio del Velez, no? La verità è che questa gente è il problema del calcio. Non sono in grado di sostenere gli incarichi che hanno, è una pazzia. Non mi va giù che Domínguez se ne vada in giro per il mondo a parlare di pallone…”.

La Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here