NBA playoff: vince Golden State, ma perdono le altre big

Ecco i risultati della prima nottata di playoff NBA

0
152

In pochi si sarebbero aspettati che i campioni in carica dell’NBA, i Golden State Warriors, perdessero la prima partita.  E infatti i ragazzi di coach Kerr hanno vinto in scioltezza contro i Los Angeles Clippers. Quello che però ha stupito sono i risultati delle altre partite della serata. Andiamo ad analizzarli.

Philadelphia ha ormai completato il processo: Joel Embiid e Ben Simmons sono cresciuti ed hanno fatto vedere un potenziale inestimabile. E quest’anno è passato davvero tanto per il centro africano. Poi l’arrivo di Jimmy Butler ed infine quello di Tobias Harris. Con JJ Redick guardia tiratrice è un quintetto favoloso, probabilmente il migliore dell’est. Ma nella serata di ieri, al Wells Fargo Center di Philadelphia, i 76ers si sono inceppati. Già da tempo giocano più da individualità che da gruppo, ma può starci nella misura in cui due pezzi fondamentali sono arrivati durante la Regular Season 2018/2019. Quello che ha fatto scalpore  è il brutto modo di giocare con cui hanno approcciato al match: Simmons ha deluso, male anche Harris e Redick. Si salvano Embiid (22 punti e 15 rimbalzi) e Jimmy Butler con 36 punti. Malissimo tutti dall’arco con solo 3 canestri su 25 tentativi. Stupiscono invece i Nets, una delle palle impazzite NBA: D’Angelo Russell ha messo a referto 26 punti. Ottimo l’apporto della panchina, con Dinwiddie, Davis e LeVert che sono andati in doppia cifra. Adesso la serie si mette subito male per Phila, che è sotto 1-0 in casa.

Gli ex numero uno della NBA Eastern Conference, i Toronto Raptors, hanno dimostrato di giocare in maniera altalenante. Sotto all’intervallo lungo contro i modesti Orlando Magic, vanno sopra durante il terzo quanto, ma la franchigia della Florida non si arrende e nell’ultimo quarto si gioca punto per punto. Fino alla tripla in isolamento, allo scadere, di F.J. Augustin che supera la contestazione di Marc Gasol. Il tentativo finale di Kawhi Leaonard è un’air ball e Toronto perde. Da notare i zero punti di Lowry.

Mai dare per morti gli Spurs. I settimi in classifica in NBA Western Conference sconfiggono i secondi Denver Nuggets. E pensare che coach Malone aveva battuto coach Popovich pochi giorni fa. Ma i playoff sono i playoff. Non giocando proprio il beautiful game di qualche anno fa ed accontentandosi di qualche isolamento, gli Spurs la portano a casa, dando sempre l’impressione di poter reggere agli scossoni che i Nuggets hanno dato alla partita, quando cercavano di recuperare i neroargento.

Chi vince come previsto e in maniera bella, pulita, sono i campioni NBA. I Golden State Warriors hanno la meglio dei Los Angeles Clippers giocando in maniera fluida e con grandi rotazioni da parte di Steve Kerr: è ancora Stephen Curry la stella della serata, con 38 punti all’attivo (comprese 8 triple su 12 tentativi), 15 rimbalzi e 7 assist. Ma sono tutti che fanno il loro in una squadra simile. Buono per i tifosi della franchigia della baia di San Francisco che sognano l’ennesimo anello NBA.

Ecco i risultati della nottata NBA:

Brooklyn Nets 111 – 102 Philadelphia 76ers

Orlando Magic 104 – 101 Toronto Raptors

Los Angeles Clippers 104 . 121 Golden State Warriors

San Antonio Spurs 101 – 96 Denver Nuggets

Daniele Errera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here