30 agosto: buon compleanno Pavel Nedved, l’ultimo centrocampista a vincere il Pallone d’Oro

Compie 46 anni Pavel Nedved, campione di Sparta Praga, Lazio e Juventus, oggi dirigente della Vecchia Signora

0
1024

I Palloni d’Oro vanno agli attaccanti. Dai, quasi sempre è così. Ai difensori, quasi mai: Beckenbauer, e che non glielo davi? Cannavaro e soprattutto Sammer, magari da rivedere. E pensare che a centrocampo c’è così tanta qualità, ma l’importanza del risultato e la quantità di reti della punta mettono in discussione qualsiasi strategia a metà rettangolo del gioco. L’ultimo centrocampista a vincere tale alloro fu Pavel Nedved. Era il 2003. Oggi l’ex Lazio e Juventus compie 46 anni. Buon compleanno.

E’ una figura che divide da sempre, Nedved. Un minimo comune denominatore è certamente il fatto che sia stato un grandissimo esterno di centrocampo. Davvero, davvero bravo. Ma se poi la si mette sul piano del tifo, apriti cielo: i romanisti lo ricordano per i sombreri di Cafù. I tifosi del calcio pulito lo ricordano per quelle entratacce che faceva, tipico del suo gioco duro, deciso. Agli juventini scende una lacrima, almeno: quel fallaccio col Real Madrid, a Juve praticamente qualificata, che nel 2003 gli impedì di giocare la finale di Champions contro il Milan. Poi l’annata in Serie B e Nedved, cuore bianconero, che resta in cadetteria.

Nedved aveva tutto in campo, però: grinta, carattere, carisma. Piede destro e sinistro, grandi tiri dalla distanza. Inserimenti da mezzala e colpo di testa. Quantità e qualità. Dopo quattro anni allo Sparta Praga si fece notare agli Europei del 1996. La Lazio di Cragnotti lo acquistò e rimase a Roma per cinque anni. Poi la storia d’amore con la Juve. Dalla finale di Champions alla Serie B. Per tornare prepotentemente in Serie A e disegnare il cammino dei sei scudetti consecutivi. Ma restiamo lì, sul campo di calcio. Alle magie di Nedved.

Daniele Errera

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here