Premier League, 18esima giornata: tante sorprese, cadono City e Chelsea

Cityzens e Blues cadono rispettivamente sotto i colpi di Crystal Palace e Leicester. Vince il Liverpool, sempre più capolista

0
286

In questa 18esima giornata di Premier League, nonchè quella che precede il Boxing Day e tutto il periodo festivo, abbiamo assistito a varie sorprese, come non accadeva da tempo.

Eppure l’anticipo del Venerdì non è stato molto sorprendente: l’ormai solito Liverpool schiacciasassi si è imposto per 2-0 a Wolverhampton, grazie alle reti di Salah e Van Dijk.

Stesso discorso per l’Arsenal, che si sbarazza per 3-1 del Burnley all’Emirates: Emery i suoi tornano alla vittoria, dopo qualche passo falso di troppo, e recuperano terreno in classifica. A segno Aubameyang con una doppietta e Iwobi, per gli ospiti è stato Barnes a siglare il momentaneo 2-1.

CADONO A SORPRESA LE DUE “BLUES”

Prima sconfitta casalinga per Maurizio Sarri e il suo Chelsea. E’ il Leicester che, nonostante la panchina traballante di Puel, sfodera una grande prestazione ed espugna Stamford Bridge. I Blues hanno sprecato varie occasioni (soprattutto nel primo tempo) e colto due pali, ma non hanno avuto la reazione giusta allo svantaggio. Il gol, arrivato al 51′ con Vardy a coronamento di una bella azione corale, premia la brillante prova di squadra delle Foxes, che portano a casa un successo storico.

All’Etihad succede di tutto, invece. I Cityzens passano con un colpo di testa di Gundogan, ma il Crystal Palace la ribalta in tre minuti e chiude sul 2-1 l’intervallo. Grazie soprattutto a due reti stupende: la prima è un gran diagonale di Schlupp e la seconda è un sinistro al volo da cineteca di Townsend (probabile Goal of the Season). Nella ripresa il City sbanda, a sorpresa, e Milivojevic fa 3-1 su rigore. Serve a poco il gollonzo nel finale di De Bruyne: termina 2-3 e City che vede il Liverpool fuggire a +4.

Embed from Getty Images

 

LE ALTRE: GOLEADE PER UNITED E SPURS

Il Manchester United torna a sorridere. Cacciato Mourinho, la squadra come d’incanto torna a vincere e divertire. L’esordio di Solskjaer è da sogno: Cardiff annichilito 5-1 e una grande prova di forza. Piccola curiosità: i Red Devils non segnavano 5 gol in Premier addirittura dall’ultima partita da manager di Sir Alex Ferguson. Per ora, sembra che la partenza di Mourinho abbia contribuito a rilassare l’ambiente.

Fra le altre squadre, salta all’occhio la vittoria del Watford fuori casa contro il West Ham: Deeney e Deulofeu regalano agli Hornets 3 punti pesanti. Bene anche il Bournemouth che, grazie a una doppietta di Brooks, supera 2-0 il Brighton. Negli scontri salvezza, altra vittoria pesante per un rigenerato Southampton: i Saints sbancano Huddersfield per 3-1. Termina a reti bianche Newcastle-Fulham.

L’unica partita del Sunday di Premier è, forse, la più intrigante sulla carta: Everton contro Tottenham. I Toffees partono bene e grazie a Walcott si portano in vantaggio dopo 20 minuti. Ma il Tottenham è padrone del campo e prima del break riesce a ribaltare la partita, segnando addirittura tre gol. Il copione non cambia nel secondo tempo e gli ospiti dilagano: doppiette per Kane e Son, più un gol per Alli ed Eriksen. Grande messaggio mandato da Pochettino e i suoi, dominanti in questo modo su un campo ostico. Per l’Everton, tanta buona volontà ma una difesa fragilissima, una squadra poco legata e tanti errori: c’è da riflettere per Marco Silva. Termina 6-2 per gli Spurs. 

Embed from Getty Images

RISULTATI

  • Wolves 0-2 Liverpool
  • Arsenal 3-1 Burnley
  • Newcastle 0-0 Fulham
  • Chelsea 0-1 Leicester
  • Huddersfield 1-3 Southampton
  • Bournemouth 2-0 Brighton
  • Manchester City 2-3 Crystal Palace
  • West Ham 0-2 Watford
  • Cardiff 1-5 Manchester United
  • Everton 2-6 Tottenham

Riccardo Andreoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here