Premier League, Everton-Crystal Palace 2-0. Calvert-Lewin e Tosun stendono la squadra di Hodgson

Clavert-Lewin e Tosun regalano la vittoria a Marco Silva contro un Crystal Palace molto ordinato e ben messo in campo. Con questa vittoria l'Everton si porta all'ottavo posto, tre punti sotto l'Arsenal, impegnato nel monday night

0
289

Ricominciano a Goodison Park Everton e Crystal Palace. Dopo la sosta infatti i padroni di casa vogliono portare a tre la striscia di vittorie in Premier League per proiettarsi nelle zone nobili della classifica. Il Crystal Palace invece vuole interrompere la striscia di due sconfitte arrivata prima della pausa per allontanare la relegation zone e puntare ad un campionato tranquillo.

L’EVERTON CONTROLLA MA RISCHIA, IL PALACE CHIUDE GLI SPAZI

Esordio stagionale tra le fila dell’Everton per Andre Gomes, il quale gioca al fianco di Gueye nella cerniera di centrocampo a copertura dei tre trequartisti Walcott, Sigurdsson e Bernard. Davanti Richarlison prende il posto di Tosun, mentre dietro Keane e Zouma vengono preferiti a Mina, il quale si accomoda in panchina. I due terzini sono Coleman e Digne, con Pickford confermatissimo in porta.

Copre il centrocampo del Palace Hodgson, il quale forma una diga composta da Milivojevic, McArthur e Kouyate, con Towsend e Schlupp sugli esterni. Davanti ad Hennessey invece sulla destra viene scelto Wan-Bissaka al posto di Kelly, con van Aanholt sulla sinistra e Tomkins e Sahko confermati in mezzo. Davanti invece il posto di centravanti viene occupato da Zaha.

Il primo tempo si gioca su buoni ritmi, con entrambe le squadre che restano corte e chiudono tutti gli spazi, non permettendo giocate facili all’avversario. L’Everton, anche grazie alla spinta del pubblico, mantiene il pallino del gioco, girando palla molto bene e mostrando una buona intesa di squadra, sopratutto tra i trequartisti, non riuscendo però a trovare un buco tra le maglie gialle del Crystal Palace. Gli “Eagles” infatti sono molto bravi a chiudersi, grazie al’interdizione delle due mezz’ali, e a ripartire con la velocità degli esterni e di Zaha. Sono due le occasioni nitide per il Palace, mentre l’Everton, escluse un paio di conclusioni di Sigurdsson che non impensieriscono Hennessey, non è riuscito a rendersi pericoloso. Per il Palace accade tutto alla mezz’ora: prima Pickford è bravo a disinnescare una punizione di Milivojevic dai trenta metri, poi, sul successivo corner, è fortunato a veder infrangersi sulla traversa un colpo di testa ravvicinato di Kouyate, dopo una bella sponda dello stesso Milivojevic. Si chiude quindi 0-0 una prima frazione di gioco molto vivace dal punto del ritmo ma con una sola nitida occasione.

DCL – TOSUN, MARCO SILVA LA RISOLVE CON I CAMBI

La seconda frazione, almeno fino al minuto 87, è l’esasperazione del primo tempo: L’Everton controlla ma non crea occasioni pericolose, mentre la palla gol più nitida è per il Crystal Palace. All’ora di gioco infatti Zaha è bravo, grazie ad una finta con il tacco, a farsi agganciare da Coleman in area di rigore. L’arbitro Taylor non ha dubbi e assegna il penalty. Potrebbe essere la svolta per il Palace, ma Milevojevic calcia malissimo centrale, trovando il piede di Pickford a respingere. a questo punto l’Everton acquista ancora più fiducia e chiude gli avversari nella loro metà campo, impedendogli di ripartire e velocizzando il possesso palla. La squadra di Hodgson riesce comunque a resistere, lasciando ai Toffees lo spazio esterno per i cross (sempre poco precisi e mai pericolosi), oppure per le conclusioni da fuori, le quali però non impensieriscono Hennesey. Sono quindi i cambi che portano la terza vittoria consecutiva all’Everton. Infatti è Lookman, entrato al posto di Walcott, a mettere in mezzo l’ennesimo traversone, questa volta però trovando libero Clavert-Lewin (entrato, insieme a Lookman, al posto di Andrè Gomes). L’attaccante inglese stacca indisturbato e da pochi passi trafigge il portiere per il vantaggio dell’Everton. Il tempo di battere il calcio d’inizio dopo il gol che i Toffees trovano il raddoppio. Keane spazza la propria area dopo un tocco sbagliato di Schlupp e trova lo scatto del terzo cambio operato da Marco Silva, Tosun. L’attaccante turco è bravissimo a tagliare fuori Tomkins con il controllo e a battere Hennessey con il destro. L’uno-due è micidiale e taglia completamente le gambe al Crystal Palace, il quale non riesce più a reagire.

Arrivano quindi i tre punti per l’Everton, che prosegue la sua striscia di vittorie e soprattutto può tornare a sperare nell’Europa League.

TABELLINO 

Everton – Crystal Palace 

Everton (4-2-3-1): Pickford; Coleman, Keane, Zouma, Digne; Andrè Gomes (82′ Clavert-Lewin), Gueye; Walcott (82′ Lookman), Sigurdsson, Bernard (66′ Tosun); Richarlison. A dispozizione: Stekelenburg, Mina, Baines, Davies. Allenatore: Marco Silva.

Crystal Palace (4-5-1): Hennessey; Wan-Bissaka, Sakho, Tomkins, van Aanholt; Townsend, Milivojevic, McArthur, Kouyate, Schlupp; Zaha. A disposizione: Guaita, Kelly, Riedewald, Kaikai, Puncheon, Ayew, Wickham. Allenatore: Roy Hodgson.

ARBITRO: Taylor A. (Eng)

AMMONITI: Gueye, Coleman (EVE), Milivojevic (CRY)

ESPULSI: –

CORNER: 10-5

GABRIELE CONTI

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here