Sadiq: “Gerrard? Mi ha umiliato. Esperienza ai Rangers da incubo”

"Devo ancora ricevere lo stipendio di Dicembre dal club scozzese. Inaccettabile"

0
181

Umar Sadiq, ex promessa della Roma attualmente al Perugia, ha raccontato in un’intervista al Sunday Post la sua esperienza ai Glasgow Rangers, durata solo sei mesi.

Gerrard si è dimostrato molto diverso da quello che credevo sarebbe stato. Inizialmente non sapevo nulla del loro interesse, se la stavano vedendo la Roma e i miei agenti. Quando il mio procuratore me ne ha parlato ho espresso dei dubbi, non ero sicuro che fosse la cosa giusta da fare”. A far cambiare idea all’attaccante nigeriano fu la stella del Liverpool: “Fu lo stesso. Steven Gerrard a convincermi: mi ha telefonato tre o quattro volte, complimentandosi con me e dicendomi che sarebbe stato al mio fianco e che mi avrebbe fatto crescere. Mi ha fatto sentire importante e mi ha convinto ad accettare”.

Tuttavia, stando a quanto dichiarato dal calciatore classe ’97, la promessa non sarebbe stata mantenuta: “Quando sono arrivato, non ho avuto neanche il tempo di sistemarmi prima che arrivasse Lafferty: è stato in quel momento che sono iniziati i problemi e la situazione è degenerata in un incubo. All’improvviso mi è stato detto che non potevo più usare lo spogliatoio della prima squadra. Mi dovevo cambiare con i bambini, poi qualche giorno dopo mi hanno anche vietato di parcheggiare l’auto all’interno del centro sportivo. Mi sentivo umiliato e continuavo a chiedere quale fosse stato il motivo di questo cambio di atteggiamento, ma non ho mai ricevuto risposta. Neanche Gerrard ha dato spiegazioni, né a me né ai miei agenti sulla ragione del cambiamento di atteggiamento. Non ho mai ricevuto alcuna risposta. Una volta mi hanno multato di ventimila sterline per un mi piace su Instagram, è stato assurdo. E i Rangers non mi hanno nemmeno pagato: devo ancora avere il mio stipendio di dicembre”.

 

 

 

La Redazione

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here