Serie A, 24^ giornata: stop Napoli, Juve in fuga. Milan e Roma sempre più da 4° posto

Raggio di luce per l'Inter; passo falso per Atalanta e Lazio. Chievo e Frosinone nelle sabbie mobili

0
230
FRIDAY NIGHT

Tornano le competizioni europee, con la fase ad eliminazione diretta. Torna così anche l’anticipo del venerdì sera, con la Juventus impegnata a sfidare il Frosinone in cerca di punti salvezza.
Dopo soli 5 minuti è Dybala a sbloccare il match con un bellissimo tiro da fuori area che si va ad insaccare sotto il sette. La partita è già in discesa dunque, ed è Bonucci a raddoppiare con un tap-in di testa. Nella ripresa arriva il sigillo finale di Ronaldo, con un bel tracciante. 3 a 0.

LE PARTITE DEL SABATO

L’aperitivo del sabato è alla Sardegna Arena dove il Cagliari ospita il Parma.
La partita si sblocca allo scadere della prima frazione di gioco, con gli ospiti che vanno al riposo in vantaggio grazie ad un bel goal di testa del neo-acquisto Kucka.
Nel secondo tempo i sardi trovano il pari con il loro bomber, Pavoletti, che in spaccata fa 1 a 1. E quando ormai il match sembra indirizzato al pareggio è sempre Pavoloso a deciderla: colpo di testa (neanche a dirlo) vincente e 2 a 1 finale.

L’altra partita, Atalanta-Milan, vede uno scontro diretto valido il quarto posto e preannuncia spettacolo. I padroni di casa viaggiano su ritmi, come al solito, molto elevati, e trovano il vantaggio con un diagonale di Freuler. I rossoneri sembrano in difficoltà, ma riescono a riacciuffare il pareggio allo scadere dei primi 45 minuti di gioco con una stupenda girata del solito Piatek.
Nella seconda frazione la storia cambia, il è sempre molto accorto ed attendista ma micidiale nelle ripartenze. Come in occasione del goal di Calhanoglu: uno due sulle trequarti campo avversaria con Rodriguez, la palla torna al turco che con un gran destro trova il palo lontano alle spalle di Berisha.
Passano solo 5 minuti ed il Pistolero Piatek fa doppietta di testa e 3 a 1 finale.

LE PARTITE DELLA DOMENICA

Il consueto match del pranzo domenicale si gioca a Ferrara dove la Spal di mister Semplici affronta Pioli e la sua Fiorentina. I casalinghi trovano il vantaggio grazie al proprio bomber Petagna; primo tempo che termina comunque in parità grazie al goal di Edimilson allo scadere.
A dieci minuti dal termine della partita accade di tutto: goal di Valoti che viene annullato al VAR, con conseguente calcio di rigore per la Fiorentina (Saranno tantissime le polemiche dei ferraresi nel post partita). Dal dischetto Veretout non sbaglia e ribalta il punteggio.
Ma non finisce qua: dopo 2 minuti Simeone fa il terzo goal per i viola, e Gerson mette il sigillo finale a pochi secondi dal triplice fischio. 1 a 4.

Alla Dacia Arena il Chievo è ospite dell’Udinese. Sfida salvezza carica di tensione e come da previsione ha regalato ben poche emozioni. Al minuto 85 però la svolta: rigore per i friulani. Dagli undici metri a sorpresa va Teodorczyk: Sorrentino intuisce il lato giusto e respinge, ma l’attaccante bianconero ribadisce in rete e fa 1 a 0.

La Lazio va a Marassi, in cerca di punti Champions. Di fronte il Genoa che vuole al più presto allontanarsi dalla zona lotta retrocessione. Al minuto 44 è Badelj a portare avanti la Lazio, brutta botta il goal allo scadere. Ma Prandelli e i suoi non demordono e trovano prima il pari rocambolesco con Sanabria, poi il goal vittoria stupendo del capitano Mimmo Criscito. Che fa 2 a 1 e va a gioire sotto la gradinata dai suoi tifosi.

Empoli che deve assolutamente tornare ai 3 punti per uscire da una brutta situazione; l’avversario di turno è il Sassuolo. Gli ospiti non entrano mai veramente in partita: uno-due tremendo dei padroni di casa che si portano sul 2 a 0 in pochi minuti con le marcature di Krunic e Acquah. Nella ripresa chiude le danze il primo goal del neo arrivato Farias. 3 a 0.

Al Giuseppe Meazza in San Siro l’Inter sfida la Sampdoria: dopo una settimana di tensione per la fascia di capitano tolta ad Icardi, i neroazzurri devono vincere per non ritrovarsi Milan e Roma con il fiato sul collo. Accade tutto in 5 minuti, dal 73′ al 78: D’ambrosio fa 1 a 0 con un bell’inserimento su assist di Perisic. Poi il subentrato Gabbiadini, si ritrova il pallone tra i piedi in maniera fortuita e segna. Sembrano ben poche le speranze, ma è Nainggolan con un tiro al volo da fuori a puntare il risultato finale sul 2 a 1.

Il Napoli deve vincere per non perdere punti dalla capolista: davanti ad un San Paolo semi vuoto l’ospite il Torino. Questi ultimi mettono fuori la testa dalla propria metà campo ben poche volte, ma il Napoli sciupa tantissime occasioni da goal: qualche errore di troppo, soprattutto da Milik, ma vanno dati i meriti al portiere granata Sirigu; sicuramente il migliore in campo. 0 a 0 finale.

MONDAY NIGHT

All’Olimpico contro la Roma arriva il Bologna, galvanizzato da mister Mihajilovic alla ricerca della rimonta salvezza. Bella partita quella del lunedì sera, che vede gli emiliani protagonisti di una bellissima prestazione. Nel primo tempo i giallorossi sono completamente in palla ed il Bologna sfiora il goal in ben 4 occasioni. Nella ripresa il subentrato El Shaarawi cambia il match guadagnandosi un rigore: Kolarov calcia e non sbaglia. Fazio raddoppia su calcio d’angolo con un tiro potente, ma a 6 minuti dallo scadere Sansone segna il suo primo goal in maglia rossoblù e accorcia le distanze. La Roma controlla bene e non subisce l’assalto finale ospite. 2 a 1 finale e tanto rammarico per il Bologna data l’ottima prestazione. Roma che deve ringraziare Olsen.

L’ANALISI

La Juve si porta a più 13 sul Napoli: molto probabilmente è fuga, con gli azzurri che trovandosi in una terra di mezzo semi deserta tra la capolista ed i nerazzurri, concentreranno le proprie energie maggiormente sulla conquista dell’Europa League.
La lotta per il terzo e quarto posto valevoli la Champions League è sempre più un thriller: l’Inter mantiene 4 lunghezze di distacco dalle inseguitrici, in un periodo sicuramente non felice in casa nerazzurra. Ma Roma e soprattutto Milan sono in agguato: i rossoneri vengono da una striscia positiva e buone prestazioni che fanno ben sperare i propri tifosi.
Atalanta e Lazio perdono un po’ di terreno; la corsa per l’Europa League si fa così a dir poco enigmatica: tante squadre in pochissimi punti. Chi vivrà, vedrà.
Capitolo salvezza: Empoli, Udinese e Cagliari si prendono i 3 punti che danno un poco di ossigeno. Male invece Frosinone, Chievo e anche Spal, con quest’ultima che viene così risucchiata in un vortice molto pericoloso. Piccola nota di merito per il Bologna: ottima la prestazione rossoblù ieri sera; incredibile tornare a casa con le tasche vuote. Ora la prossima giornata gli emiliani ospiteranno i bianconeri…urge una incredibile impresa.

RISULTATI

Juventus-Frosinone 3-0
Cagliari-Parma 2-1
Atalanta-Milan 1-3
Spal-Fiorentina 1-4
Udinese-Chievo 1-0
Genoa-Lazio 2-1
Empoli-Sassuolo 3-0
Inter-Sampdoria 2-1
Napoli-Torino 0-0
Roma-Bologna 2-1

CLASSIFICA
Juventus 66
Napoli 53
Inter 46
Milan 42
Roma 41
Atalanta 38
Lazio 38
Fiorentina 35
Torino 35
Sampdoria 33
Sassuolo 30
Parma 29
Genoa 28
Cagliari 24
Udinese 22
Spal 22
Empoli 21
Bologna 18
Frosinone 16
Chievo 9
Riccardo Incontri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here