Serie A, Genoa-Napoli 1-2, grinta azzurra e cambi di Ancelotti: il Napoli vince nell’acquitrino

Il Genoa ci crede, ma poi la voglia di vincere del Napoli viene fuori, nonostante il campo

0
268

E’ il Napoli a portare a casa i 3 punti dal Luigi Ferraris di Genova. I partenopei hanno ribaltato il vantaggio del Genoa, grazie alla rete di Fabian Ruiz e all’autogoal di Biraschi.

Nel trentennale della nebbia di Belgrado, ancora una volta le condizioni atmosferiche si frappongono alla necessità di vittoria di Carlo Ancelotti. Al tempo giocatore, oggi tecnico. Il suo Napoli presenta l’ormai consueto 4-4-2, con Insigne a fare la seconda punta intorno al centravanti Milik. Callejon laterale destro, Mertens in panchina. Juric risponde con 3-5-2, con Piatek osservato d lusso.

PRIMO TEMPO: NAPOLI SULLE GAMBE, GENOA IN VANTAGGIO

Dopo alcune scaramucce iniziali, al primo vero e proprio tiro in porta è il Genoa a passare. Romulo, tornante di destra, mette al centro un cross per le punte. Arriva Kouamé che sovrasta Hysaj, schiaccia a terra e batte Ospina. Le contestazioni anti Preziosi sono dimenticate, per un attimo. Genoa in vantaggio ed è solo il 20esimo. Il Napoli è in confusione e i liguri tentano di approfittarne, senza successo. Un miracolo di Radu nega il pareggio a Milik. I partenopei tentano di alzare il ritmo, ma si va negli spogliatoi con i rossoblu in vantaggio.

SECONDO TEMPO FRA PIOGGIA E GRINTA AZZURRA

Fuori Milik, dentro Mertens. Ancelotti tenta di aggiustare la squadra e gestisce le cose, se non fosse che la pioggia crea un vero e proprio muro. Così l’arbitro Rosario Abisso sospende l’incontro fin quando le condizioni atmosferiche non migliorano il necessario. Al ritorno è un altro Napoli: verticalizzazione per Mertens, colpo di tacco per l’accorrente Fabian Ruiz che si trova di fronte al portiere nello spazio creato proprio dal movimento del folletto belga. 1-1, con più di mezz’ora di gioco. Aumentano i giri del gioco napoletano e Insigne quasi beffa Radu su una punizione angolata. E’ proprio da quella zona di campo che arriva poi il pareggio: merito del terreno che fa rimbalzare al peggio la sfera e sfortuna di Davide Biraschi che colpisce male. Autogol e Napoli in vantaggio. Manca troppo poco, cinque minuti più recupero. Il Napoli passa a Genova. Per Ancelotti sono tre punti preziosissimi, soprattutto in quanto ottenuti in un campo che ha visto gli azzurri cadere malamente poche settimane fa.

Daniele Errera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here