Serie A, Lazio-Inter 0-3: Icardi punisce i biancocelesti

Magistrale la gara dei nerazzurri all'Olimpico: ora è secondo posto. Lazio confusa e con poche idee

1
395

Monday night che chiude la decima giornata di Serie A. Dopo la possibilità di rinvio, l’Olimpico si veste a dovere per la gara fra Lazio ed Inter, match che ha peraltro figurato come sipario della scorsa stagione. La voglia di rivalsa dei biancocelesti, che scavalcherebbero proprio gli uomini di Spalletti in caso di vittoria, contro il possibile aggancio al Napoli per i nerazzurri.

ICARDI OLTRE LA TATTICA

Partita che si apre con grande intraprendenza degli ospiti, i quali, grazie anche a molta pazienza, palleggiano in maniera prolungata per i primi 20 minuti. La gara vive di strappi, che prendono il sopravvento con l’andare dei minuti. La prima grande occasione capita sull’asse Perisic-Icardi, col croato che cerca il secondo palo ed il centravanti argentino che non arriva. La presenza di João Mário, oltre che clamorosa di per sé, si rivela essere anche piacevolmente sorprendente nell’evoluzione dei primi 45′: il portoghese svaria su tutta la trequarti offensiva e si mostra utile anche in fase di non possesso.

Inzaghi sprona i suoi fin dai primi minuti, ma l’agitazione del tecnico si ripercuote per certi versi anche sul suo undici titolare: Immobile, nervoso, sfrutta male una buona occasione al 20′. Snodo determinante, proprio perché, a partire da metà frazione, l’Inter alza il baricentro e la Lazio, aggressiva, lascia qualche spazio ma riparte in maniera pericolosa. Ad aprire le marcature è Icardi, dopo un’azione insistita e quasi confusa: la carambola in area di rigore raggiunge Vecino, che riesce a trovare il capitano nerazzurro.

Il vantaggio non limita la squadra di Spalletti: il baricentro è sempre alto e Vecino si rende pericoloso prima staccando su calcio piazzato, poi in area dopo il bel suggerimento di Icardi. Sugli sviluppi del corner derivato proprio da questa seconda occasione, è Brozovic a trovare il raddoppio: la difesa della Lazio libera sulla trequarti, ed il croato infila Strakosha con un siluro mancino, che chiude il primo tempo.

Embed from Getty Images

BORJA CREA, MAURITO SENTENZIA 

La ripresa vede i padroni di casa molto più aggressivi: Inzaghi prova prendere in mano la situazione prima che il contraccolpo psicologico dello 0-2 prenda il sopravvento. Nonostante l’intensità di gioco, però, la squadra del patron Lotito non riesce ad incidere e l’Inter continua ad esprimere il proprio gioco lineare. Con l’ingresso in campo di Borja Valero aumenta anche la qualità dei meneghini sulla trequarti e proprio lo spagnolo con un’intuizione taglia fuori la retroguardia laziale, consentendo ad Icardi di portare i suoi sullo 0-3. I restanti venti minuti, anche grazie ad un buon ingresso in campo di Correa e al risultato ormai acquisito, permettono alla Lazio di giocare a trazione offensiva, schiacciando gli avversari senza però mai impensierirli seriamente. Certamente, Inzaghi non potrà recriminare nulla ai suoi sotto il punto di vista dell’atteggiamento, piuttosto è venuta a mancare quella qualità capace di far la differenza.

Embed from Getty Images

TABELLINO

LAZIO-INTER 0-2 (28′ e 70′ Icardi, 41′ Brozovic)

LAZIO (3-1-4-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu (dal 78′ Bastos); Marusic, Parolo, Badelj (dal 34′ Cataldi), Milinkovic-Savic, Lulic; Immobile, Caicedo (dal 69′ Correa).

A disposizione: Patric, J. Lukaku, Berisha, Luis Alberto, Wallace, Cáceres, Guerrieri, Proto, Murgia. All: S. Inzaghi

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Vrsaljko, Skriniar, Miranda, Asamoah; Brozovic, Vecino (dall’87’ Gagliardini); Perisic, J. Mário (dal 57′ B. Valero), Politano (dall’88’ Keita); Icardi.

A disposizione: de Vrij, L. Martínez, Ranocchia, Padelli, Dalbert, D’Ambrosio, Candreva. All: Spalletti

ARBITRO: Irrati

AMMONITI: 18′ Brozovic (I), 26′ Asamoah (I), 31′ Immobile (L), 48′ Radu (L), 48′ Vrsaljko (I), 71′ Cataldi (L)

ESPULSI: –

CORNER: 7-6

 

Luigi Romanelli

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here