Serie A, le panchine tremano e sono già tante, i sostituti da Pioli a Spalletti

Dopo 7 giornate di Serie A, gli allenatori ad un passo dall’addio sono due con un terzo che ha già fatto i bagagli

0
90

La nostra Serie A, il nostro mondo calcistico, lo conosciamo: o parti bene o sei subito nel mirino di tifosi e società. Questa è la dura vita di un allenatore nel campionato italiano. Questa è la situazione che stanno affrontando Di Francesco, Giampaolo e Andreazzoli. Tre ottimi tecnici che non sono riusciti a partire con i risultati giusti, nonostante, nel caso dell’ultimo, prestazioni sufficienti e, in delle occasioni, di qualità. Il tecnico del Milan, invece, sembra pronto all’addio, sebbene sia arrivata una vittoria a Genova nell’ultimo turno. Il bel gioco, promesso e dimostrato nelle scorse stagioni di Serie A, però fatica a vedersi e i dirigenti rossoneri sembra non abbiano più pazienza. Per finire l’ex allenatore di Roma, Sassuolo e, possiamo dirlo ufficialmente, Sampdoria, ha rescisso proprio ieri il suo contratto. 3 punti in 7 partite con 6 sconfitte hanno segnato il suo destino lontano dai blucerchiati.

SAMPDORIA, RISOLUZIONE PER DI FRANCESCO

È finita ieri pomeriggio l’avventura di Eusebio Di Francesco con la Sampdoria. Risoluzione del contratto di tre anni firmato in estate, il tecnico ha ricevuto un’annualità di stipendi chiudendo così i rapporti con il club. Scelta quasi obbligata per la società del presidente Massimo Ferrero. Soli 3 punti conquistati in 7 gare e ultima posizione in classifica. Un inizio così non si vedeva dalla stagione 1972/73, quando dopo 7 turni erano arrivati ben 4 pareggi e 3 sconfitte. In quell’occasione si dovette aspettare la dodicesima giornata per vedere la prima vittoria, che però quest’anno è già arrivata sul Torino per 1-0. Il primo nome nella lista dei sostituti è Stefano Pioli, che però temporeggia perché accetterebbe volentieri il progetto Milan, qualora venisse trovato un accordo, e in caso preferirebbe l’opzione Genoa. L’alternativa è rappresentata da Beppe Iachini: nell’ultima esperienza in Serie A, l’Empoli, poi retrocesso, lo esonerò. Tra i nomi valutati c’è anche quello di Gianni De Biasi, ultima esperienza in Liga con l’Alaves.

MILAN, GIAMPAOLO VIA, SPALLETTI SI ALLONTANA

Marco Giampaolo non è mai stato così lontano dal Milan. La vittoria, lo scontro diretto, contro il Genoa terminato per 1-2 in favore dei rossoneri, non ha cambiato la sua posizione. Dirigenti che infatti si sono presi 48 ore di tempo e da ieri si sono mossi per trovare in fretta un sostituto. 3 vittorie e 4 sconfitte ad inizio campionato ed un bel gioco che continua a non vedersi. Nelle ultime gare l’ex tecnico della Sampdoria ha subito diverse critiche, poiché sembrerebbe non abbia ancora trovato la giusta formazione da schierare in campo. Critiche subite anche per non aver fatto giocare subito i nuovi acquisti, tra questi sicuramente la rivelazione è il giovane Leao. Tanti dubbi e delusioni come Piatek, Chalanoglu e Suso, ma ora il Diavolo vuole rialzarsi. Primo nome contattato è stato quello di Luciano Spalletti. Nella serata di ieri però tutto è saltato, nonostante fosse arrivato il sì del tecnico ex Inter. Proprio con i neroazzurri non è stata raggiunta la buonuscita per problemi economici. Il contratto ancora valido con la Beneamata dura fino al 2021 a circa 5 milioni a stagione. Il mister ha chiesto una buonuscita pari ad un’ annualità di stipendi, vista la maniera in cui è stato trattato, ma la proposta non supera i 4 milioni. Dunque il Milan, che ha già avvisato dell’esonero mister Giampaolo, incontrerà Stefano Pioli per provare ad accelerare. Se non dovessero esserci nuovi sviluppi, nelle prossimenore sarà lui il nuovo allenatore rossonero. Sarebbe pronto un biennale.

GENOA, AI SALUTI ANDREAZZOLI

Ultimo, al momento, pronto a fare le valigie è Andreazzoli al Genoa. La situazione sembra però essersi calmata, con il presidente Preziosi che non vorrebbe fare scelte affrettate. I numeri non stanno dalla parte di staff e giocatori: penultimo posto in classifica e 5 punti in 7 giornate. Nel corso della settimana che ha portato al “decisivo” match contro il Milan, si era parlato di Rino Gattuso pronto a prendere le redini della panchina grifone. Scintilla che però non è mai scoccata tra le due parti e il nome di Ringhio sembra sia stato tagliato dalla lista dei possibili sostituti. In questa si troverebbe ancora Stefano Pioli, che se non raggiungesse un accordo con il Milan, sarebbe disposto a firmare con i rossoblu. Inoltre ci sarebbe stato un interessamento del club di Genova per l’ex tecnico della nazionale italiana U21 Di Biagio. Questa rimane soltanto un’idea, al momento sembrerebbe le acque si siano calmate e Andreazzoli potrebbe avere dopo la sosta la sua ultima chance al Tardini in casa del Parma. Calendario che tra l’altro non sorride in positivo a Kouame e compagni, visto che nel successivo match ospiteranno in casa un, fin qui, ottimo Brescia e poi saranno ospiti dei campioni in carica della Serie A, la Juventus. Notizia della mattinata sarebbe l’annullamento dell’allenamento previsto per le 15, per un incotro decisivo tra le parti.

Andrea Greco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here