Serie C, Siena e Sambenedettese al primo posto. Lecce ok

0
242
GIRONE A
Comandano le toscane

Il girone A di serie C è sempre più una questione toscana. Il Siena si prende la prima posizione. Rallentano le sorelle-rivali Livorno e Pisa. perdono Viterbese ed Olbia. Gavorrano a caduta libera. Colpo Monza, importanti affermazioni di Giana Erminio e Pontedera. Alessandria torna a respirare.

Siena in vetta

Nel big match dell’ottava giornata, i bianconeri ad Olbia soffrono ma centrano la terza vittoria consecutiva fuori casa, che vale il primato in classifica. La prima frazione scivola via senza molte emozioni e con poche occasioni per segnare. Nella ripresa, il Siena preme sull’acceleratore, e con Marotta e Guberti trova il doppio vantaggio. Sembra finita, ma un’ingenuità difensiva consente ai sardi di accorciare le distanze alla mezzora, con Ragatzu che trasforma un calcio di rigore. L’Olbia nel finale carica a testa bassa, e solo la traversa nega il pari ai padroni di casa.

Livorno, passo falso

Gli amaranto non vanno oltre il pari interno contro l’Arezzo, e perdono così la prima posizione, seppur con una partita in meno. In una partita avara di emozioni, gli ospiti non hanno rubato niente, coprendosi bene ma pronri a ripartire in contropiede. L’errore del Livorno è stato quello di rilassarsi troppo dopo il vantaggio di Maiorino, piuttosto che cercare il raddoppio come in altre occasioni. Come detto, l’Arezzo ha saputo far male con le ripartenze, e proprio in una di queste azioni, il nuovo entrato D’Ursi regala il pareggio ai suoi.

Frenata Pisa

I nerazzurri impattano a Lucca, e si vedono fermare sull’uno pari. Gli ospiti si fanno vedere per primi in avanti, ma al primo affondo è la Lucchese a trovare subito il vantaggio. Fanucchi è prima scaltro ad approfittare di un errato rinvio della difesa avversaria, poi rapace a ribadire la prima conclusione respinta dal palo. Si va al riposo con i rossoneri in vantaggio, complici una buona organizzazione difensiva, ed una reazione del Pisa che tarda ad arrivare. La musica cambia nella seconda frazione. I nerazzurri alzano i ritmi, ed il gap tecnico emerge. Il pari arriva grazie a Mannini. Poi tante schermaglie a metà campo che non modificano il risultato.

Viterbese ed Olbia ko. Alessandria, Giana e Pontedera muovono la classifica. Disastro Gavorrano

Cadono Viterbese ed Olbia, che restano comunque in ottima posizione per proseguire il loro ruolo di mine vaganti. Gli isolani, come abbiamp visto si sono dovuti arrendere al Siena. I laziali, cadono sotto i colpi di un Monza in giornata di grazia, in grado di espugnare Viterbo con la rete di Cori. In coda, l’Alessandria torna a vedere la luce. Il rigore in pieno recupero realizzato da Marconi regala ai piemontesi il successo di misura sul Prato. La Giana Erminio stende la Pistoiese con un perentorio 3-0. A segno Perna con una doppietta e Iovine. Con lo stesso punteggio il Pontedera schianta a sorpresa il Piacenza. Decidono i gol di Corsinelli, Risaliti e Mastrili. Chi non riesce ad invertire la rotta è il Gavorrano, che crolla in casa 4-1 contro l’Arzachena. Per i maremmani fanno sette sconfitte su sette.

GIRONE B
serie C, una formazione della Sambenedettese

Nel girone B di serie C, il Pordenone si riappropria del primo posto in compagnia della Sambenedettese. Crollo a sorpresa del Vicenza. Frenano le rivali Renate e Bassano. Il Padova c’è. Punto d’oro per Fano e Teramo. Il Modena perde a tavolino e rischia l’esclusione dal campionato.

Il Pordenone riprende la sua corsa

In casa contro il meno quotato Ravenna, il Pordenone fatica parecchio e riesce a sfangarla solo nel recupero, tornando a comandare la classifica. I friulani partono forte, ma a passare in vantaggio sono gli ospiti, grazie ad un intuizione di Samb a fine primo tempo. Un’ingenuità difensiva permette però ai neroverdi pareggiare quasi subito i conti con De Agostini. Nella ripresa il Pordenone fa valore la maggiore caratura tecnica, e spinge sull’acceleratore. Gli sforzi degli ospiti, tuttavia, portano al risultato sperato solo in pieno recupero, quando Burrai trasforma dal dischetto un penalty gentilmente concesso dai ravennati.

La Sambenedettese ci riprova?

Come lo scorso anno, la Sambenedettese dopo otto turni è in prima posizione. Vedremo se questa volta i rossoblu avranno la solidità necessaria per mantenere il primato fino in fondo. Dopo aver sofferto nella prima metà di gara, nel match interno contro il Santarcangelo, i padroni di casa nel secondo tempo passano in vantaggio con Vallocchia, liberato da un bel uno-due con Miracoli. Solo illusorio il pari dei romagnoli che arriva grazie al neo entrato Tommasone. La Samb infatti prosegue il forcing offensicvo, ma soltanto nel finale riesce a raccoglierne i frutti. Allo scadere Miceli regala i tre punti ai suoi, ed in pieno recupero Di Massimo cala il tris.

Vicenza, brutto ko

Dopo l’avvio sprint con tre vittorie su tre, i biancorossi hanno bruscamente frenato. Complice il turno di riposo, sono solamente cinque i punti racimolati in altrettanti turni. A reggio Emilia i biancorossi incappano in una sconfitta per 1-0. Se il primo tempo scorre via all’insegna dell’equilibrio e delle poche occasioni, nella ripresa la squadra di casa offre una prestazione grintosa, occupando per la maggior parte del tempo la metà campo avversaria. La conclusione che decide il punteggio è di Riverola, che grazie ad una deviazione batte il portiere avversario. Tre punti pesanti per la Reggiana, che esce così da un momento complicato. Il Vicenza deve fare quadrato e ripartire.

Bassano e Fano al palo, Padova fa sul serio. Modena, situazione surreale

Battuta di arresto per le fin qui sorprendenti Bassano e Fano, che mantengono comunque la terza e quarta posizione. I veneti contro ogni pronostico non vanno oltre l’uno pari interno contro il più modesto Teramo, che grazie a questo punto prezioso si portano a più due sulla zona calda. Alla rete di Fabbro (B) risponde in pieno recupero Foggia. Anche il Fano può sorridere per aver fermato il Renate sul 2-2. Due volta in vantaggio con Gomez e Pavan, gli ospiti si vedono raggiungere prima da Fioretti, e poi, proprio sui titoli di coda, da Germinale. Dopo un inizio in sordina, il Padova non si ferma. Con il 3-1 rifilato al Südtirol, sono quattro le vittorie consecutive dei biancorossi, arrivati a due sole lunghezze dalla vetta. La doppietta di Capello e Contessa ribaltano lo sfortunato autogol di Bindi. Un Modena sempre più in crisi societaria perde 3-0 a tavolino con l’Albinoleffe, e crolla addirittura a meno uno in classifica, in virtù della penalità ricevuta. E’ la seconda sconfitta d’ufficio per impossibilità di utilizzare lo stadio “Braglia”. Il comune pretende il pagamento degli arretrati e dell’affitto di quest’anno. Al quarto ko a tavolino, la squadra sarà estromessa dal campionato.

GIRONE C
serie C – Lecce, Caturano ha firmato una doppietta

Nel girone C di serie C comanda il Lecce, che complice il turno di riposo osservato dal Catania, si porta al comando solitario della classifica. Monopoli e Siracusa si dividono la posta. Bene il Trapani. Bella vittoria della Casertana. Akragas, buon punto.

Lecce solo al comando

Con la quinta vittoria consecutiva, il Lecce si prende la tanto agognata vetta della classifica. Con la Juve Stabia arriva un successo importante ma molto sofferto. Prima frazione piuttosto noiosa, bravi gli ospiti a capitalizzare l’unica occasione netta ed a portarsi in vantaggio con Di Piazza. Nella ripresa la gara si infiamma. Pronti-via, Criarese firma il pari con un gran tiro. Risponde subito Caturano per l’1-2. Appena un minuto dopo Caturano si ripete e porta i suoi sul 3-1 con una gran botta. I padroni di casa caricano a testa bassa ed accorciano meritatamente con Paponi. Il finale per i salentini è all’insegna della sofferenza, anche per l’inferiorità numerica patita per l’infortunio di Drudi, a cambi esautrti. Ma il punteggio non cambia più.

Monopoli e Siracusa, un pari che accontenta tutti

Il big match di giornata vede opposte la scheggia impazzita Monopoli ed un solido Siracusa, che si sta ripetendo sui buoni valori della passata stagione. Dopo gli ultimi risultati negativi, questo pari restituisce ai padroni di casa qualche certezza in più. Il Siracusa si conferma squadra valida, che se trova continuità potrà fare strada. Per entrambe le squadre, il bicchiere è rappresentato dal punto raccolto. La partita viene giocata su ritmi tutt’altro che sostenuti, entrambe le formazioni faticano a produrre giocate decisive. I gol rispecchiano l’andamento della gara. Meglio i pugliesi nel primo tempo, in vantaggio con Paolucci. Siciliani in crescita nel secondo, che trovano il pari con un rigore di Catania.

Il Trapani tiene il passo

Netta affermazione del Trapani, che con un secco 3-0 regola la Reggina e si porta al quarto posto con una partita da recuperare, confermandosi fra le pretendenti ai piani altissimi della classifica. I padroni di casa spingono fin da subito, ma nonostante le azioni create non trovano il vantaggio prima del riposo. I calabresi nel secondo tempo non ne hanno più, e così emerge la maggiore carature della squadra siciliana. Trapani padrone del campo, i gol arrivano come logica conseguenza. Reginaldo apre le marcature, Evacuo raddoppia con una gran rovesciata. La ciliegina sulla torta la mette Fazio, con un violento destro al volo dal limite dell’area.

Francavilla e Matera rispondono presente. Casertana, bel balzo in avanti. Akragas, punto prezioso

Virtus Francavilla e Matera si stanno confermando anche quest’anno compagini in grado di ambire ai playoff. I pugliesi, impegnati in casa contro la Sicula leonzio hanno la meglio per 2-1, in virtù delle reti di Saraniti ed Ayina. Al Matera invece basta la sola rete di Giovinvo per avere la meglio di misura sul fanalino di coda Racing Fondi. Bella ed importante vittoria della Casertana, che sbanca cosenza con un netto 3-0. Scontro salvezza portato a casa grazie alle reti di Alfageme, Galli e Carriero. Con questi tre punti, i campani lasciano il penultimo posto, e grazie al pari fra Paganese e Fidelis Andria, si portano fuori dalla zona retrocessione con un punto di margine.

Alessandro Toncelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here