Souper Ligka Ellada, 7a giornata: fuga PAOK e Atromitos, figuraccia Olympiakos

PAOK vincente nel derby di Salonicco, in vetta alla classifica con l’Atromitos. Le big ateniesi allineate sulla soglia dei 13 punti. Prima vittoria per l’OFI Creta,ai danni dell’Olympiacos

0
419
PAOK E ATROMITOS DOMINANO LA CLASSIFICA. ORA A +6 DALLE RIVALI

Il killer colpisce ancora. Inizialmente in svantaggio i dikefalos, grazie alla doppietta di Alexandar Prijovic, ribaltano il risultato del derby di Salonicco portandolo sull’1-2.

Il goal del vantaggio Aris arriva subito, esattamente al 2′ minuto di gioco. A segnare è Mateo Garcia con un tiro rasoterra che spiazza il portiere avversario.

Al 34′ un fallo di mano procura al PAOK un rigore, battuto e realizzato dal killer. Al 65′ viene concesso un altro penalty, stavolta a favore dei padroni di casa. Lo batte Younes. Gran riflesso di Paskalakis che battezza un angolo ma poi, rendendosi conto che il tiro è centrale alza la gamba e devia il pallone, mantenendo il risultato sull’1-1.

Embed from Getty Images

A 10 minuti dal fischio finale Warda avanza sulla fascia e passa il pallone a Omar El-Kadduri, il quale crossa in mezzo. Prijovic non si lascia scappare l’occasione. Si tuffa piedi avanti ed insacca il pallone segando il goal decisivo in una partita importantissima, che porta il PAOK a +6 da AEK, Olympiacos e Panthinaikos, e il giocatore serbo al secondo posto nella classifica marcatori. Con 5 goal in campianato è secondo da solo dietro a Kolouris.

Il protagonista di Atromitos-Asteras Tripoli è proprio Efthymios Koulouris. Nel posticipo di lunedì realizza il primo e l’ultimo goal di una partita combattuta fino all’ultimo.

L’Atromitos passa inizialmente in vantaggio grazie ad un rigore, realizzato appunto da Koulouris. L’Asteras pareggia con Valiente, ma l’Atromitos torna avanti al 61′ grazie ad un autogoal di Munafo. Il nuovo vantaggio non dura molto. Tre minuti dopo infatti Manias realizza il goal del ritrovato pareggio. Pareggio che dura fino all’88′ quando Koulouris con un colpo di testa porta il risultato sul 3-2. E l’Atromitos mantiene il primato in classifica.

AEK, OLYMPIAKOS E PANATHINAIKOS, LE BIG DI ATENE A QUOTA 13

Sembra che la crisi che ha attraversato l’Olympiakos lo scorso anno non sia ancora del tutto finita. Nonostante il nuovo direttore tecnico (Pedro Martins) e il rinnovamento della rosa con giocatori come Christodoulopoulos e Yaya Toure l’Olympiacos domenica sera ha perso 1-0 con la neopromossa OFI Creta. Squadra che nelle scorse 6 partite era riuscita a collezionare solo 2 punti pareggiando con il PAS Lamia e con il Panionios.

Al 35′ l’OFI passa in vantaggio. Il cross in area di Korovesis viene sfruttato da Vouho, che di testa segna il suo primo goal in Souper Ligka. Verso la fine del primo tempo Christodoulopolous colpisce da fuori area. La palla viene respinta dal portiere e arriva a Guerero, che controlla e la passa a Tsimikas. Il terzino tira dalla fascia e prende la traversa. Parte il contropiede dell’OFI. Platellas, lanciato verso la porta avversaria viene atterrato con una gomitata da Roderick all’interno dell’area di rigore. Ma l’arbitro non vede niente.

Gli ateniesi sfiorano il pareggio al 70′ con il colpo di testa di Guerero e poco dopo con la girata di Manos, ma entrambi i tiri vengono parati da Stezos. Al 76′ arriva una nuova occasione periocolosa per l’OFI, con Kiliaras che sfiora di poco l’incrocio dei pali con un tiro da fuori area. Durante gli ultimi minuti l’Olympiakos prova a rimontare con i tiri di Natcho e Podence, ma non c’è niente da fare.

A senso unico il derby ateniese tra Apollon Smyrnis e AEK. Match dominato dai kritomavri e conclusosi con il risultato di 0-2.  Mantalos e Livaja i marcatori. Particolarmente bella l’azione che porta al primo goal. Mantalos e Bakasetas si prendono gioco della difesa avversaria con uno spettacolare triangolo chiuso con un passaggio di tacco, Mantalos poi supera un altro difensore e piazza la palla in rete.

Nonostante la vittoria il punteggio dell’AEK rimane quello della scorsa giornata, per via delle sanzioni che i gialloneri hanno ricevuto in seguito agli scontri avvenuti il giorno del derby AEK-Olympiacos. 3 punti di penalizzazione, 73.000 euro di multa, e l’obbligo di giocare le prossime due partite in casa a porte chiuse. Una delle quali contro il Panathinaikos.

Panathinaikos che nel frattempo torna a vincere. Dopo il pareggio della scorsa giornata con l’Asteras Tripoli i tryfili si sono rifatti nell’anticipo di sabato pomeriggio contro il Panionios. Il goal della vittoria è arrivato verso la metà del secondo tempo grazie a Ilias Chatzitheodoris. Il giovane greco, entrato 10 minuti prima in sostituzione di Kabetsis ha realizzato una splendida rete da fuori area piazzando il pallone all’angolino sinistro.

Grazie a questa vittoria anche i tryfili arrivano a quota 13, a braccetto con le altre big di Atene. Nonostante i 6 punti in meno a inizio campionato il Panathinaikos infatti è riuscito a recuperare sia l’AEK Atene che il suo acerrimo nemico: l’Olympiacos.

I biancoverdi non sono ancora stati scofitti in questa stagione e l’unico pareggio che hanno collezionato é stato quello di Tripoli. Dalla prossima settimana però li attendono sfide decisamente impegnative. Domenica il PAOK al Toumba, poi lo scontro casalingo con l’AEK, per poi arrivare all’11 Novembre, giorno della Mother of the Battles, il derby tra Olympiacos e Panathinaikos storicamente considerato il più importante match del campionato greco.

LE ALTRE PARTITE

Il Panetolikos porta a casa altri 3 punti mantenendo l’ottava posizione in classifica. I gialloblù di Agrinio vincono 0-2 a Giannina con doppietta di Madzurek.Ennesima, ma stavolta immeritata, sconfitta del Levadiakos, che perde 1-2 in casa contro lo Xanthi. Partita nonostante il risultato abbastanza dominata dai padroni di casa che hanno saputo creare numerose azioni interessanti e pericolose ma purtroppo inconcludenti.

Lo Xanthi, più concreto, riesce a portare a casa la vittoria con le reti di Baxevanidis e Jendrisek (su rigore). Il goal di Chumbinio arriva solo al 90’+1 quando ormai non c’è più niente da fare. Rimonta del Lamia a Larissa. L’AEL, inizialmente in vantaggio di un goal, seganto da Deletic al 30′ con un bellissimo tiro all’angolino, è stata battuta 1-2 dagli ospiti grazie alle reti di Barrales, di testa su punizione, e di Epstein, che con l’esterno sinistro la piazza sotto l’incrocio dei pali.

Lorenzo Cintori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here