UCL, Inter-Barcellona 1-1: è sempre Mauro Icardi

Al gol del vantaggio Blaugrana di Malcom, i neroazzurri non ci stanno: è sempre il solito Mauro Icardi a ristabilire la parità. Punto preziosissimo

0
414

Quarta partita della fase a gironi di Champions League al Meazza in San Siro. Mister Spalletti recupera Nainggolan e lo rilancia subito negli undici titolari, così come Politano. Valverde stavolta sceglie Dembélé e non Rafinha.

PRIMO TEMPO: BLAUGRANA PERICOLOSI, INTER DI NUOVO TIMIDA

Parte subito forte con il pressing alto il Barça: pronti via ed Asamoah perde un pallone sanguinoso recuperato da Dembélé che si invola verso la porta neroazzurra. Rientra e va col sinistro a giro: bene Handanovic.
L’Inter appare subito la stessa del Camp Nou: non abbastanza grintosa, molto cauta ed attendista. Il Barça gestisce come consuetudine eccellentemente il pallone, e, minuto dopo minuto, alza sempre più il proprio baricentro, fino a costringere tutti gli uomini di Spalletti nella propria metà campo.
Siamo al minuto 12 quando Suárez riceve palla centralmente, si gira, punta Skriniar e con una finta di corpo lo manda al bar. Sinistro a giro alto di poco sopra la traversa.
L’Inter prova a mettere fuori la testa lanciando Perisic in velocità: siamo al 19esimo quando il croato entra in area di rigore blaugrana e scarica dietro per Asamoah che in velocità calcia alto.

Da questo momento in poi si renderanno pericolosi solamente gli uomini di Valverde; più precisamente con Luis Suárez: il suo è quasi uno show.
Al minuto 21 l’occasione più bella e pericolosa: riceve una palla alta in area molto complicata da gestire. Attorno, oltre a Skriniar, ha anche de Vrij. Protegge la sfera splendidamente e con un interno piede repentino prova il pallonetto: fuori di pochissimo.
Al 30esimo, sempre l’uruguaiano prova un diagonale mancino dopo un corner ben calciato: a lato non di molto.
Allo scadere terza ed ultima chance: dopo un flipper in area molto fortunoso la palla arriva sempre al Pistolero che calcia di collo pieno. Para Handanovic.
Squadre negli spogliatoi, con la consapevolezza che il Barca avrebbe meritato il vantaggio.

SECONDO TEMPO: L’INTER C’È, E CHE ORGOGLIO

Dopo una fase di studio iniziale, i padroni di casa alzano il pressing sui portatori di palla avversari. Così facendo, però, si lasciano spazi che fanno molta gola ai catalani. Al 60esimo, infatti, l’occasione più clamorosa: 3 contro 2 del Barcellona, palla a Rakitic che a tu per tu con Handanovic opta per calciare di interno piede. Benissimo il portiere neroazzurro che intuisce e respinge.
Solo due minuti più tardi è l’ex Coutinho a rendersi pericoloso. Punta Vrsaljko, rientra e fa partire un bel destro a giro. Di nuovo Handanovic in calcio d’angolo.

Finalmente un po’ di Inter: due minuti più tardi Perisic si allarga e mette un cross insidioso col mancino. Ci arriva Politano di testa, dopo un bel taglio ad anticipare la difesa ospite. La palla esce a lato del palo.
Al 68esimo contropiede da manuale neroazzurro: palla a Icardi che sponda per il neo entrato Borja Valero; lo spagnolo non ci pensa due volte e in semirovesciata lancia Politano a gran velocità. L’ex Sassuolo rientra e calcia col suo mancino; deviato in angolo da un gran recupero di Lenglet.

La partita si addormenta: il Barça gestisce sempre col pallone tra i piedi, e le squadre, a 20 minuti dallo scadere sembrano accontentarsi del pareggio…
Ma al minuto 83, il subentrato Malcom riceve palla in contropiede da Coutinho: punta Asamoah, si accentra e trafigge Handanovic calciando contro tempo. 0 a 1.
L’Inter non ci sta, vuole a tutti i costi il pareggio. Lautaro, appena entrato, gestisce benissimo un pallone, e lo calcia in area verso Vecino: tiro, rimpallo, palla al capitano neroazzurro che, con una protezione del pallone da manuale, riesce a girarsi e ad insaccare tra le gambe di ter Stegen. 1 a 1.

Ultimi minuti che non regalano ulteriori emozioni al Meazza. L’Inter con grande orgoglio riesce a portare a casa un punto preziosissimo e nella ripresa ha aggredito gli avversari a dovere, fornendo a tratti anche qualche buon fraseggio.
Gli spagnoli sono di un’altra categoria.

TABELLINO

INTER-BARCELLONA 1-1 (83′ Malcom; 87′ Icardi)

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Vrsaljko, Skriniar, de Vrij, Asamoah; Brozovic (dall’85’ Lautaro Martínez), Vecino; Perisic, Nainggolan (dal 63′ Borja Valero), Politano (dall’81’ Candreva); Icardi. A disposizione: Padelli, Miranda, D’Ambrosio Keita Balde. All.: Spalletti.

BARCELLONA (4-3-3): ter Stegen; Sergi Roberto, Piqué, Lenglet, Jordi Alba; Arthur (dal 74′ Vidal), Busquets, Rakitic; Dembélé (dall’81’ Malcom), Suárez, Coutinho. A disposizione: Cillesen, Aleñá, Chumi, Semedo, Rafinha.

AMMONIZIONI: 84′ Brozovic, 88′ Perisic (I); 42′ Rakitic (B).

ESPULSIONI: –

CORNER: 3-10

Riccardo Incontri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here